non mi sono fatto sentire per un po’

Postato il

un piccolo resoconto delle attività di questi mesi

Passeggiata con i ragazzi della cresima

Ritiro bambini della prima comunione

Ritiro catechisti della parrocchia

Prime comunioni dell’oratorio nella cappellina di Vista hermosa

Prime comunioni nella parrocchia

Oratorio “estivo”

è iniziato l’oratorio nel periodo delle vacanze… sono quasi duecento bambini inscritti

Il primo campo savio petenero per ragazzi dai 12 ai 16 anni

Festa patronale nel barrio de la paz

Primo gruppo di ex alunni

ritiro cresima

31 ottobre conclusione del mese del rosario

Mensa per bambini

un abbraccio

Don Giampiero


Per eventuali donazioni ricordo:

ASSOCIAZIONE IL GIARDINO DI PROVVIDENZA O.N.L.U.S VIA DEI CASALI DI PORTA MEDAGLIA 1 00134 ROMA

IBAN IT 97 M 08327 03241 000000002286

Causale per Giampiero Peten


Passare da un mondo pieno di comfort, insoddisfazione e lamentele alla missione in Petèn

Postato il

Nella O.N.G. (missiones salesianas) Mi hanno chiesto in quale paese volessi andare, ma a me non importava il luogo, mi bastava partire. Mi dissero Bolivia, poi Perù e finalmente la mia vera destinazione: Guatemala. DI Peten, Flores e San Benito non avevo mai sentito parlare, ma fin dal primo momento li ho sentiti parte di me.

Motivi per il volontariato? Piuttosto un desiderio: volevo andare nell’Alto Orinoco quando avevo 17 anni, ma non fu possibile e poi … sono arrivati molti poi…

Il mio bisogno? Aiutare gli altri, darmi agli altri per evitare la sofferenza e essere felice, avere pace e a sua volta far felici gli altri.

Ora, questa esigenza accumulata è stata quasi soddisfatta. Sono venuta a fare quello che mi avrebbero detto e a farlo con tutto il mio amore.

Ma quello che ero venuta a dare, si è stato trasformato in un ricevere molti doni ogni giorno, e me li porto con me tutti: le migliaia di baci, abbracci e sorrisi caldi, specialmente di quelle persone che, nonostante vivano nelle periferie in case insane e scure, con fumo, senza camini, senza acqua, senza fogne, fatte con tetti di lamiera o con tavole di legno. Continua a leggere »


Le nostre ultime peripezie

Postato il

Alcune foto per ricordare le nostre attività di questo mese…

PASTORALE GIOVANILE

Campo Bosco Nazionale

i nostri ragazzi hanno partecipato al campo Bosco Nazionale nella missione di Carchá. Un’esperienza davvero arricchente. Formazione, giochi, momenti di preghiera alla scuola del santo della Gioventù

Festa di don Bosco

Quest’anno la festa e la novena l’anno organizzata completamente i ragazzi senza nessun aiuto… i semi iniziano a dare i loro frutti…

iniziata con la tradizionale cantata a don Bosco alle 5 della mattina Continua a leggere »


Testimonianza di Marian Busto

Postato il

Sono venuta in Peten con grande entusiasmo, per cercare di vivere intensamente questa esperienza di volontariato in un paese come il Guatemala. Sono arrivata anche con le mie paure, anche se da quando ho preso la decisione di realizzare questa esperienza, mi sono trovata molto serena e ho sentito che Dio mi ha dato la forza.

Non avevo pensato che il mio destino, potrebbe essere questo paese, ma è stato dove mi hanno mandato, accettando con il desiderio di imparare tanto da questa esperienza.

Il mio arrivo a San Benito accompagnato da Tole e Maria (due volontari storici della missione) è stato piacevolmente sorprendente, ho sentito sin dall’inizio benvenuto dalla Comunità salesiana e dalla gente della parrocchia di San Benito. I diversi gruppi della Famiglia Salesiana ei gruppi di giovani ci hanno fatto sentire a casa nostra, grazie alla loro vicinanza, semplicità e affetto. Continua a leggere »


Comprendere, assimilare e capire… la testimonianza dei cugini Pellanda

Postato il

Comprendere, assimilare e capire. Ecco le tre parole chiave che i cugini Pellanda usano per incorniciare l’inizio di questo fantastico viaggio iniziato nel 2016 con Padre Giampiero. L’anno scorso abbiamo dato inizio al nostro annuale “bagno d’umilta’ “. Si, e’ proprio cosi. Per noi San Benito e’ diventato un atterraggio sicuro, certamente non comodo e facile.

Al nostro ritorno a casa, l’anno scorso, abbiamo avuto delle difficolta’ nell’affrontare la nostra vita quotidiana: le dinamiche occidentali alle volte ti fanno morire dentro. San Benito, al contrario, ti fa rinascere.

Quest’anno l’esperienza l’abbiamo voluta condividere con Stefano, un nostro caro amico. Crediamo sia giusto far conoscere a tutto il mondo gli occhi del popolo di San Benito e far sentire quanto sono belli gli abbracci che si ricevono.

La domanda che tutti ci hanno rivolto quando hanno saputo che ripartivamo per la stessa esperienza di volontariato è stata: “Di nuovo in Guatemala? Ma non puoi andare altrove?” La risposta era molto semplice: “ma tu sai cosa vuol dire essere abbracciati da un perfetto sconosciuto come se fosse il tuo più grande amico??” Ecco perché siamo ripartiti anche quest’anno. San Benito è migliorata dal 2017 ma c’è’ ancora molto da fare. Continua a leggere »


Attività al mio rientro dalle vacanze

Postato il

Ritornato dalle vacanze in Italia, la prima sera che arrivo in peten: Confessioni dei ragazzi della cresima, e la notte seguente dei genitori e dei padrini… per cui il mio adattamento al fuso orario è stato molto breve… Mi sono detto, beh si ritorna dopo le vacanze è ora di lavorare… per cui confessioni fino a notte inoltrata… senza sosta, ma felice di rimettermi a servizio… A seguire cresime di giovani e adulti, la pastorale vocazionale con il suo ritiro… insomma tante belle cose come al solito.

Ringrazio tutte le persone che mi sono state accanto durante le vacanze in Italia. Passano gli anni, però l’affetto e l’amicizia restano immutate.

Qui a seguire un pochino di notizie, dei mesi in cui sono stato assente e la pastorale giovanile mi ha sostituito più che egreggiamente e dei primi giorni in peten

Festa dell’ausiliatrice 

Con attività negli oratorio, il festival mariano preparato dai giovani e le celebrazioni liturgiche

Festa della famiglia nell’oratorio di Vista Hermosa

Continua a leggere »



Le ultime attivitá – prima parte

Postato il

Le attività dell’ultimo periodo…Siccome sono davvero tante perchè è un po’ che racconto le nostre peripezie… ho dovuto dividerle in due parti… Come sempre potete cliccare sulla foto per vedere l’intero album fotografico

Festa di San Benito

La festa del patrono con la processione di tutte le statue dei santi delle varie cappelline

e la messa finale

Continua a leggere »


E se la Pasqua riguardasse un po’ tutti?

Postato il

Che Pasqua, cristiani o no, sia nel nostro DNA, ce lo dicono le espressioni che usiamo comunemente nel linguaggio quotidiano: “È una quaresima!”; “Finalmente! Alleluia!”, “Il tuo è un bacio di Giuda!”, “Che croce che sei!”, “Questo periodo è un calvario”, “Mettere in croce qualcuno”, “Contento come una pasqua”, “Di questo, se n’è lavato le mani”

Mentre il Natale evoca istintivamente l’immagine di chi si slancia con gioia nella vita, la Pasqua è collegata ad una rappresentazione della vita passata attraverso la sofferenza e la morte, una esistenza ridonata a chi l’aveva perduta. Perciò se il Natale suscita un po’ in tutte le latitudini, anche presso i non cristiani e i non credenti, un’atmosfera di letizia e quasi di spensieratezza e felicità, la Pasqua rimane un mistero più nascosto e difficile da comprendere.

Ma la nostra esistenza, al di là di una facile retorica, si gioca prevalentemente sul terreno dell’oscuro e del difficile della lotta quotidiana con le mille difficoltà che attanagliano i nostri giorni. Penso soprattutto in questo momento ai malati che affollano il fatiscente ospedale di San Benito, a coloro che vivono nel degrado della nostra discarica pubblica, ai tanti bambini e bambine che hanno subito violenze fisiche, psichiche e sessuali e che non sanno a chi comunicare la loro angoscia, alle donne della pastorale della promozione della donna, per cui ogni progresso è una conquista, alle centinaia di migranti che sono passati in questi mesi per il nostro ostello di accoglienza. Penso insomma a tutti coloro che vivono quotidianamente la debolezza e le fragilità umana che tocco con mano e penso alla moltitudine di gente afflitta (che rappresenta probabilmente la maggioranza degli uomini di questo mondo) cercando una speranza che il mondo non è in grado di dare. Continua a leggere »


Riflessioni quaresimali

Postato il

La quaresima è sempre un periodo particolare per la vita di un missionario… è sempre come periodo di forte riflessione personale.

Tutti gli anni iniziamo il cammino della quaeresima con il vangelo delle tentazioni e non è un caso… Qual è il nocciolo delle tre tentazioni che subisce Gesù? E’ la proposta di strumentalizzare Dio, di usarlo per i propri interessi, per la propria gloria e per il proprio successo. E dunque, in sostanza, di mettere se stessi al posto di Dio, rimuovendolo dalla propria esistenza e facendolo sembrare superfluo. Ognuno dovrebbe chiedersi allora: che posto ha Dio nella mia vita? E’ Lui il Signore o sono io? Superare la tentazione di sottomettere Dio a sé e ai propri interessi o di metterlo in un angolo e convertirsi al giusto ordine di priorità, dare a Dio il primo posto, è un cammino che ogni cristiano deve percorrere sempre di nuovo. “Convertirsi”, un invito che ascolteremo molte volte in Quaresima, significa seguire Gesù in modo che il suo Vangelo sia guida concreta della vita; significa lasciare che Dio ci trasformi, smettere di pensare che siamo noi gli unici costruttori della nostra esistenza; significa riconoscere che siamo creature, che dipendiamo da Dio, dal suo amore, e soltanto «perdendo» la nostra vita in Lui possiamo guadagnarla. Questo esige di operare le nostre scelte alla luce della Parola di Dio

La Quaresima è riscoprire il senso della povertà, non è altro che un invito all’essenzialità. Il grande errore della nostra società moderna nasce dall’aver sbagliato il rapporto con le cose. Disfarsi del tanto superfluo che soffoca le nostre vite, ridistribuire, non sprecare, seguire la regola infallibile del ‘poco e bello’, questo è il primo senso della Quaresima. Perché oggi abbiamo un immenso bisogno di fare spazio. La grande impresa è precisamente fare spazio a Dio. Essere poveri vuol dire liberarsi dalle cose per essere di Dio. Il mondo moderno sembra non conoscere la misericordia. È impietoso, ha prodotto la cultura dello scarto e imposto ampie aree di sacrificio, natura devastata e masse umane di reietti. Il mondo degli affari parla il linguaggio della guerra. Dove il povero non ha dignità… semplicemente non esiste. Essere missionario, in fondo per me è dare voce a loro… ai dimenticati del mondo con i quali condivido ogni giorno gioie e tristezze e le continue lotte per la sopravvivenza. Continua a leggere »


Resoconto delle ultime attività

Postato il

Oratorio

Cobanerita

La prima bella notizia è che quest’anno abbiamo aperto il secondo oratorio. Nel villaggio della Cobanerita finalmente abbiamo un oratorio. Il nostro piccolo sogno cresce ogni giorno e si trasforma in realtà

Vista Hermosa

continua l’oratorio domenicale nel quartiere di Vista Hermosa

Continua a leggere »


Un piccolo riassunto delle nostre attività

Postato il

Il 10 febbraio 2017 ci hanno visitato due volontari di ACNUR, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, è venuto a visitare la nostra parrocchia e i nostri giovani. Stanno iniziando un progetto di promozione del ruolo dei giovani nella costruzione della pace e per questo hanno cercato un gruppo giovanile impegnato in processi di pace. Avendo visitato la casa del migrante e avendo saputo dell’impegno che i nostri giovani hanno profuso in alcune attività di promozione della casa del migrante e sapendo che è il gruppo giovanile più grande della Diocesi, ci hanno contattatto per avere un incontro con loro. Un onore rappresentare i giovani del Petèn davanti a Paige Jonnies e Alessandro Cacciapuoti inviati da ACNUR. Un altro attestato di stima al nostro movimento giovanile che cresce ogni giorno di più

Ripresi i lavori al centro giovanile

Ripresi con la fine delle pioggie i lavori per la costruzione dello stadio nel centro giovanile, ora che è tutto appianato manca solo mettere la terra per l’erba e piantare l’erba perchè il centro giovanile abbia finalmente il suo campo di calcio

Continua a leggere »


Testimonianza di Hugo – il primo prenovizio del nostro oratorio

Postato il

Sono Hugo Manuel Aguirre Simone, ho 20 anni, sono nato nella città di Guatemala per motivi economici mi sono trasferito in Peten con la mia famiglia, posso dire che da quando ero un ragazzino desideravo essere un prete, Mi interessava la messa, ma soprattutto quello che il prete faceva durante la messa, sono cresciuto e ho cercato di non pensarci più, pensando ad altri progetti, piuttosto che diventare sacerdote, grazie ai miei genitori sono sempre stati molto vicini alla chiesa. Partecipavo ai gruppi di giovani, dopo aver ricevuto il sacramento della Confermazione sono stato catechista per un anno, e la paura di rispondere a quella chiamata; mi ha fatto scappare via e dedicare più tempo ai miei studi e chiudermi in me stesso ed impegnarmi in qualsiasi cosa che non avesse a che fare con la chiesa, nel 2013 ho avuto un’esperienza quasi indescrivibile, io considero il mio incontro personale con Gesù, da quel giorno tutto è cambiato, il mio pensiero circa la mia chiamata e che avevo sempre cercato di dimenticare

Nel 2014 ho finito i miei studi superiori e dovuto decidere cosa studiare all’università, ma non volevo studiare, volevo trovare un modo migliore per rispondere alla chiamata di Gesù. Ho voluto fare un processo di discernimento, conoscendo i vari carismi della chiesa cattolica. La mia ricerca mi ha portato a conoscere la Congregazione salesiana in cui ho potuto incontrare il mio stile di vita e ho trovato un volto molto familiare; Don Bosco e le informazioni Salesiani, leggere diversi giorni tutto si riferiva a quanto congregazione, mi sentivo come calamitato da un “magnete”, avevo trovato un Carisma, o meglio una spiritualità che volevo vivere. Continua a leggere »


Attività dell’ultimo mese

Postato il

Le attività del mese di gennaio e Dicembre

Pastorale Giovanile

Programmazione

La riunione di programmazione per l’anno. Sono stati presenti 72 giovani. Il numero mi ha fatto pensare ai 72 discepoli… sono davvero tanti… Con loro spero di poter dare una svolta alla parrocchia. è bello poter contare su un gruppo così nutrito di ragazzi e considerando che alcuni non son potuti venire per il lavoro, è una forza impressionante. Sono il frutto di quattro anni di lavoro. Dio continua a benedire l’opera di San Benito enormemente

Visita Parrocchia di Cabrican

una parrocchia di una regione di Guatemala, ha chiesto un incontro con i nostri giovani. Stiamo diventando famosi a livello di Guatemala. La parrocchia è diocesana e non conosce i salesiani… però un parrocchiano nostro ha organizzato i contatti ed è stata una bella esperienza

Continua a leggere »


Hector David Hernández González – testimonianza vocazionale

Postato il

In San Benito stiamo facendo un’altra esperienza dell’amore di Dio e sono le vocazioni religiosi che il Signore ci sta mandando. SOno già tre i ragazzi che sono in seminario della nostra casa. Due in prenoviziato ed uno Hector in Aspirantato (che è l’anno prima del prenoviziato, qui la formazione è più lunga che in Italia). Speriamo di continuare anche quest’anno con questa benedizione. Vi chiedo una preghiera per gli aspiranti che inizieranno l’esperienza quest’anno e i ragazzi che fanno parte del gruppo ricerca della casa.

Questa è la testimonianza di vita di Hector

Durante i miei 20 anni ho vissuto con la mia famiglia. Sono cresciuto in chiesa. Da piccolo, i miei genitori mi portarono in chiesa ogni Domenica. A 12 anni ho fatto la mia prima comunione. Ho iniziato a collaborare nella Chiesa con il passare del tempo e partecipando come lettore. Ho iniziato in una settimana santa che sono arrivati alla mia parrocchia di Las Cruces Peten i seminaristi, ma non sapevo di dove fossero, perché era la prima volta che sentivo parlare dei Salesiani di Don Bosco. Era bello vedere come ci riunivamo con tanta gioia. Questo incontro è entrato nella mia vita e non ha mai sperimentato nulla di simile. Da allora ho pensato nella mia mente voglio essere così come loro. I giorni passavano e quando venne il tempo di Pasqua aspettavo con impazienza l’arrivo dei seminaristi così ho chiesto cosa dovevo fare per essere uno di loro, perché mi mancavano 5 anni per finire i miei studi, col passare dei giorni e le cose nuove nella mia vita, ma io sentivo la chiamata ad essere salesiano e così è stato un giorno ho ricevuto un messaggio da uno dei seminaristi che mi chiedeva se ero davvero intenzionato a farmi salesiano. Come inizio mi misero in comunicazione con don Giampiero che mi ha accompagnato nella prima parte del cammino vocazionale. Alla fine dell’anno e dopo aver parlato con Padre René Guzman che è l’incaricato delle vocazioni mi hanno proposto di fare l’esperienza dell’aspirantato il prossimo anno. Bene, la mia risposta è stata positiva. E poi ho fatto quello che mi hanno detto, ho presentato la lettera perentrare nel Aspirantato. E sono stato ammesso alla esperienza e quindi sono pronto a farlo dove non immaginavo in Masaya Nicaragua. E così è la mia piccola storia e quello che rimane è chiedere di pregare per me.

Felice anno nuovo a tutti

Don Giampiero


Anche quest’anno si festeggia il Natale

Postato il

Anche quest’anno si festeggia il Natale del Signore. Sono i giorni spesso dei deliri economici, dei sorrisi ricostruiti, dei gesti gratuiti per ricorrenza. Sono giorni che trascorrono veloci che ci vengono a ricordare che il Regno di Dio è presente in mezzo a noi. Potrebbero assalirci i dubbi, gli stessi di Giovanni il Battista che chiede a Gesù se sia davvero lui il messia o dobbiamo attendere un altro. Davvero in questo mondo dove la violenza, soprusi sembrano avere la meglio, è presente il Regno di Dio. Posso davvero io festeggiare la venuta del Regno di Dio, mentre accanto a me ci sono omicidi, violenze di tutti i generi nei confronti di donne e bambini, mentre gente ricca si impossessa di terre per avere piantagioni sempre più grandi e vedere contadini costretti sotto minaccia a vendere l’unico pezzo di terra che gli garantisce il sostentamento, mentre centinaia di persone ogni giorno attraversano il confine abbandonando la sua terra natale per cercare speranze in altre latitudini, perché qui in Guatemala se non fai parte di una “pandilla” ti fanno fuori e se ti reclutano devi accettare o scappare…

Nonostante le guerre, le cattiverie, le malattie, la fame, le atrocità, le ingiustizie, le catastrofi, il Natale ogni anno mi viene a ricordare sempre quella speranza che ciascuno di noi può coltivare nel cuore e che è in grado di darci una gioia intima, una serenità che, lo sappiamo, non proviamo tutti gli altri giorni dell’anno. Continua a leggere »


notizie fresche dalla nostra missione

Postato il

931426_593660803992587_1566969797_nUn piccolo racconto delle attività di questo mese:

Prima di tutto condivido con voi due bellissime notizie:

La prima è che la nostra casa sarà aspirantato. Vuol dire che l’anno prossimo quattro ragazzi che si stanno interrogando sulla vita salesiana e vogliono consagrarsi come salesiani saranno affidati alla nostra comunità per capire se davvero questa è la loro strada. In Centro America tre case sono state scelte per essere case di aspirantato. Per noi, è un onore ma anche una responsabilità, vi invito a pregare.

La seconda è che finalmente è stata richiesta l’erezione canonica, cioè finalmente saremo una comunità stabile e riconosciuta. Vuol dire che la presenza salesiana dopo quattro anni in Petèn è stata riconosciuta dall’ispettoria come necessaria, per questo si stanno facendo i documenti “burocratici” per fare in modo che la nostra presenza possa durare il più a lungo possibile. Continua a leggere »


Celia Corbacho – testimonianza di una infermiera

Postato il

celiaBuongiorno a tutti,

Il mio nome è Celia Corbacho. Sono nato in Spagna e sto facendo la mia prima esperienza di volontariato internazionale nel paese del Guatemala.

Sono arrivata in Guatemala per realizzare uno dei miei sogni e posso dire con certezza di esserci riuscita. Sono riuscita a capire che realizzare i propri obiettivi è l’inizio di un lungo cammino.

Qui in Petén, in cui faccio il mio lavoro di volontariato, puoi vivere mille vite in una sola, è possibile partecipare a numerosi corsi in un solo giorno, viaggiare, viaggiare senza lasciare il posto. Provi a teletrasportarti al momento esatto in cui le attività che si svolgono, con l’unico scopo di dargli un senso. Ma è inutile, perché quello che vivi non sempre hanno una morale di vita. Sono storie che ti rimangono in un angolo della tua anima, e che quando meno te lo aspetti, queste esperienze producono quella reazione chimica necessaria per alimentare lo spirito e che ti aiuta a maturare e prosperare. E così il passato agisce come cibo per il futuro. Continua a leggere »


Misericordia o Giustizia?

Postato il

Non mi preoccupano le parti della Bibbia che non capisco, ma quelle che capisco” diceva Mark Twain. Credo che non ci sia nulla di più vero, perché le parti della Bibbia che capisco poi le devo mettere in pratica.

A volte ho pensato che ci siano come due poli completamente inconciliabili tra loro. Due poli totalmente antitetici e incompatibili. La giustizia di Dio e la sua misericordia. Non si può essere giusti e misericordiosi allo stesso tempo o si è giusti e quindi si fa pagare per gli errori che si compiono o si è misericordiosi e si perdona indiscriminatamente le ingiustizie.

Spesso mi sono domandato se Dio dovesse essere più giusto o più misericordioso, per adeguarmi di conseguenza, e devo ammettere che ho sempre preferito la giustizia alla misericordia. Non nego di aver pensato nella mia vita come san Giovanni: “Signore vuoi che facciamo scendere un fuoco che li divori?”. Più volte mi sono domandato se sia “giusto” che Dio non sia un giustiziere, non giusto ma proprio giustiziere. Probabilmente mi accontenterei che almeno fosse giusto, ma segretamente in cuor mio mi piacerebbe vederlo fare il giustiziere, specie in un posto come quello in cui vivo in cui la giustizia non esiste o meglio è in mano ai più forti che la elargiscono a loro piacimento. Continua a leggere »


Un po’ di notizie delle nostre attività

Postato il

Termina il mese di ottobre e le nostre attività si susseguono a rotta di collo!!! Un piccolo resoconto per starci vicino con la preghiera e con l’amicizia.

Ritiro dell’oratorio e festa di conclusione delle attività

Anche quest’anno terminano le attività del nostro oratorio domenicale per fare posto alle attività estive e alla loro programmazione

Ritiro di PECOMIS

Il primo ritiro ufficiale delle nostre “piccole comunità missionarie”. In America Latina e nel nostro Petèn portiamo avanti l’evangelizzazione attraverso le piccole comunità missionaria. La gente si riunisce in piccoli gruppi familiari tutte le settimane. Prega insieme condivide la parola di Dio e Si legge un tema di formazione cristiana. Il ritiro è un momento fondamentale, perchè è l’entrata ufficiale nella comunità.

Continua a leggere »


A Los Angeles per un incontro sull’immigrazione: alcune riflessioni

Postato il

In questi giorni sono stato a Los Angeles per un corso di “opzione preferenziale”. Qui in America Latina si utilizza il termine “opzione preferenziale” per quello che in Italia chiamiamo la realtà dei “Salesiani per il sociale” ossia, l’impegno dei salesiani per le realtà di povertà e di emarginazione. Mi piace molto il termine “opzione preferenziale” perché esprime meglio quello che Don Bosco scelse come sua scelta di vita: gli ambienti poveri e popolari. Il tema dell’incontro era la immigrazione con il motto “costruire ponti e non muri”. Credo che tutti sappiate della proposta di Donald Trump di costruire un muro tra il Mexico e gli Usa per impedire agli immigrati provenienti dall’America Latina di passare nel territorio degli Stati Uniti.

Abbiamo visto prima di tutto alcune esperienze di risposta dei salesiani e della Chiesa in generale in materia di immigrazione. Continua a leggere »


Attivitá di settembre

Postato il

Prime riunioni di zona (Le tre parrocchie dell’area centrale) della pastorale giovanile.

Finalmente dopo alcuni tentativi siamo riusciti ad avere un incontro con le tre parrocchie. Il carisma di don Bosco non si limita ai propri confini territoriali. In realtà era molto tempo che si desiderava riunire le tre parrocchie ma non si era mai riusciti… La prima con la parrocchia della cattedrale

l

Riunione di formazione con la squadra del Deportivo don Bosco.

A seguire pizza preparata dal sottoscritto.

Continua a leggere »


I nostri amici spagnoli – ultima parte

Postato il

Ho voluto iniziare con questa strofa della canzone “Sal y Luz”

Che risplenda la vostra vita davanti agli uomini di tutto il mondo che passino le buone opere del esteriore al profondo. CHE LA MIA VITA SIA .. SALE CHE DA SAPORE E LUCE CHE BRILLA. Sale e fuoco è Gesù …

Il 23 luglio ha iniziato il mio lavoro di volontariato, arrivai a San Benito, Peten: Una FAVOLA, e dopo un mese condividendo la mie giornate con persone meravigliose si può dire che sono diventato più felice, ho vissuto un’esperienza unica che sempre porterò nel mio cuore.

Dal momento che sono arrivata a Guatemala ero molto tranquilla, nessun timore, nessuna preoccupazione, solo in attesa di vedere tutto quello che succedeva intorno a me. La prima volta che arrivai al collegio Don Bosco, dove lavoro Aranjuez, mi sentii come a casa, sembrava la mia scuola c’era Maria Ausiliatrice, Don Bosco, e si respira il carisma salesiano in ogni angolo. Continua a leggere »


I nostri volontari spagnoli – seconda parte

Postato il

Dopo aver ripetuto questa esperienza di volontariato per la terza volta consecutiva, in primo luogo, dobbiamo dire che crediamo che queste esperienze siano uniche e che sia difficile esprimere con le parole quello che ho vissuto e sentito. L’esperienza che abbiamo avuto noi cinque volontari salesiani di Aranjuez in Guatemala ha segnato la nostra vita e il nostro cuore. Abbiamo conosciuto una realtà salesiana molto diversa dalla nostra di appartenenza e ci ha permesso di aprire gli occhi e capire quanto è grande il carisma salesiano e il lavoro missionario della Chiesa. Il nostro gruppo di volontari ha vissuto con la comunità salesiana di San Benito (Petén), una comunità di tre salesiani, un gruppo di persone che donano la vita quotidianamente e a cui piace fare il loro lavoro per i giovani. Il nostro lavoro di volontariato si è concentrato sui bambini ei giovani, in particolare,giochi e dinamiche con i bambini dei diversi quartieri della città e dei tre villaggi che dipendevano la parrocchia; Abbiamo anche avuto la fortuna di organizzare incontri con i giovani della zona, che consistevano in un momento di formazione di gruppo e alla fede e si concludevano con una preghiera con i giovani. Continua a leggere »


I nostri volontari spagnoli – TESTIMONIANZE

Postato il

TESTIMONIANZA DI BELEN SANTIAGO

Quando una ragazza ha 12 anni e vede per la prima volta nella sua scuola salesiana ad un avventuriero missionario, che ti racconta molte storie si potrebbe pensare, come ho pensato io, che cosa bella! Anche io voglio essere cosí! .

Poi gli anni passano e continuavo a sognare di diventare un missionario, come un bambino sogna di essere il miglior giocatore del mondo, con sempre maggiore voglia, ma con il timore di non poterlo realizzare. Tuttavia, c’è un momento in cui se lo desideri, ottieni la possibilità di andare in un posto nuovo, un altro mondo, San Benito, Peten, in Guatemala.

Per quanto mi raccontavano le persone che erano già stati qui, non riuscivo a capire tutto quello che mi hanno detto, fino a quando sono arrivata qui. Fino a quando non mangi un Tamal, finché non si conosce questo popolo che ti apre la porta del suo cuore e della sua casa, che ti offre tutto quello che sono e che hanno, fino a quando non vedi un bambino con entusiasmo e la voglia per giocare e giocare e giocare, non puoi capire cosa sia Peten.

Puoi rimanere senza acqua per la doccia, senza luce per illuminare la notte e non avere più ruote da cambiare in mezzo alla strada e anche un uragano potrebbe venire. Ma tutte queste avversità, che in Spagna alcuni chiamano “calamità” in Peten sono parte della sua vita, ed è un altro momento in cui prendono in maniera positiva e allegra

I giorni passavano e passavano e conoscevamo sempre più persone, nuove storie, altre forme di vita, nuovi costumi, diversi significati delle parole usate di solito … Abbiamo avuto attività con i bambini in diversi villaggi, workshop con le donne, aiutando la clinica, gruppi giovanili, notti distribuendo Atol in ospedale, giorni di festa … e tutte le preghiere di ciascuna di queste attività, non ho mai stanco di ringraziare Dio per l’opportunità che mi ha dato; la possibilità di venire qui e di rubare un piccolo pezzo di cuore di ogni persona e di portarlo in Spagna, dal momento che gran parte della mia è stata lì. Continua a leggere »


Le attività di agosto con il prezioso aiuto dei nostri amici volontari di Spagna e Italia

Postato il

Il mese di agosto è un mese un po’ particolare per noi, perchè siamo in piena attività al contrario che in Italia…. ed il 16 di Agosto festeggiamo il compleanno di don Bosco come ormai da tradizione… Festa la mattina presto alle 5 con canti a don Bosco, processione, messa solenne e torta per tutti seguita da attività con i bambini e balli con gli adulti.Un momento di famiglia… con il santo che ha fatto del fare famiglia il centro della sua spiritualità…

Col tempo la terra “petenera” si profuma sempre di pù dello spirito di Don Bosco. Le foto della riunione con il gruppo di ADMA f(ondato dal padre Michele Giorgio) e quest’anno abbiamo iniziato la formazione per il primo gruppo di cooperatori salesiani. Per non parlare anche delle vocazioni consacrate. Due ragazzi hanno cominciato l’aspirantato salesiano l’anno scorso, uno probabilmente inizierà l’anno prossimo. Si dice che le vocazioni sono il frutto prelibato di un buon lavoro pastorale… io devo dire, che qui la frutta nasce spontaneamente… così anche il carisma di Don Bosco germoglia naturalmente senza grandi sforzi!!!

Questo mese poi è stato impreziosito dalla presenza di un gruppo di volontari. Quest’anno “misto”, perchè sono venuti un gruppo della comunità da Aranjuez (Madrid) che ormai sono di casa, visto che è il terzo anno che vengono da noi insieme ad un gruppo di italiani (una ragazza dalla casa in cui avevo fatto il tirocinio e due veneti che hanno letto il mio blog ed hanno chiesto se potessero venire… io dico sempre dove si mangia in quattro, si mangia in cinque). Don Bosco unisce!!! Davvero è la sua più grande forza… riesce a mettere insieme persone differenti, e di differenti parti del mondo, e sembra che ci conosca da una vita… perchè c’è qualcosa che ci lega ed è l’amore ai giovani come lui ci ha insegnato. Alcune foto delle visite dei nostri volontari alle nostre cappelline e ai villaggi per giocare con i ragazzini ed organizzare momenti di preghiera con loro.  Continua a leggere »


un bagno di umiltà…testimonianza dei cugini Pellanda

Postato il

Con uno zaino e un trolley due cugini veneti sono partiti alla volta di San Benito. Nessuno dei due sapeva bene cosa avrebbe conosciuto dall’altra parte del mondo. Non avevamo nessuna aspettativa e questo ci ha aiutato ad essere disponibili nell’affrontare la vita a San Benito.

Da subito ci siamo trovati di fronte ad una realtà che non avremo mai immaginato. Inizialmente l’unica domanda che risuonava nella nostra mente era: “cosa siamo venuti a fare qui?

La risposta ce la davano quotidianamente i ragazzi della parrocchia: un abbraccio, un bacio, un sorriso.

A poco a poco ci siamo resi conto che un abbraccio, un bacio, un sorriso…….valevano più di ogni altra cosa per quei ragazzi che pensano di essere dimenticati da tutti. Dopo due settimane non volevamo più rifare quel zaino e quel trolley con cui eravamo arrivati… volevamo restare là, anche un giorno in più sarebbe stato un giorno in più di abbracci, baci, sorrisi che tanto bene facevano a noi e a questi ragazzi. A San Benito abbiamo conosciuto Giampiero. Giampiero  è una grande persona, ha deciso di donare la propria vita vivendo alla pari con gli altri. È emozionante vedere cosa ha creato a San Benito e come la gente e i ragazzi sono a lui così tanto legati. Con lui ci si confida, si parla, si ride, si gioca… con lui è bello passare quei pochi minuti di tranquillità che ha. Giampiero ti manca già dal minuto dopo che riparti da San Benito. Continua a leggere »


Da un articolo del UNICEF del 2014… Guatemala 5 paese al mondo per denutrizione a livello mondiale

Postato il

Per capire la situazione del Guatemala vi riporto un articolo del UNICEF sulla situazione di denutrizione del paese. Guatemala risulta uno dei 5 paesi con il piú alto livello di denutrizione al mondo, a livello di paesi che hanno a loro interno la guerra. Normalmente quando pensiamo al bambino che muore di fama ci viene subito in mente l’immagine del bambino africano, possibilmente scuro di pelle…questo nel nostro immagginario collettivo, purtroppo Guatemala in classifica supera di gran lunga il 90% dei paesi africani e purtroppo nessuno ne parla.

 

Il rappresentante in Guatemala del Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF, per il suo acronimo in inglese), Christian Skoog ha detto Venerdì cheil Guatemala è al quinto posto a livello mondiale nei casi di malnutrizione infantile cronica e ha sottolineato che il problema si fa più preoccupazione nelle zone rurali del paese.

Il Guatemala ha il più alto tasso di malnutrizione cronica in America Centrale e oserei dire il doppio della regione. Tuttavia, il quadro è più complicato perché al mondo è tra i primi cinque posti ed è superata solo da paesi come l’Afghanistan, lo Yemen, ma questi paesi sono poveri perché hanno al loro interno guerre o conflitti armati“, ha detto. Continua a leggere »


Sempre tanti progetti e tanti sogni… un piccolo resoconto

Postato il

L’altro giorno parlando con una persona, mi dice: “Giampiero tu sogni sempre troppo in grande”. Probabilmente è vero… ma non posso farne a meno. Sono tanti, troppi i bisogni della gente, che fare altrimenti, sarebbe come chiudere gli occhi. Ecco un piccolo resoconto delle attività realizzate ultimamente:

Deportivo don Bosco

Il mio piccolo “grande” sogno si sta concretizzando. Abbiamo iscritto una squadra di calcio ufficialmente al campionato federale del Guatemala (tercera division). Sono ragazzi con i quali stiamo lavorando da due anni, ai quali si sono aggiunti quest’anno diversi. Ragazzi, molti di loro, della strada con tutto quello che la strada comporta. Il progetto ora è di potergli dare borse di studio, perchè possano studiare. Crescere in una squadra fondata su valori sani e con l’obbligo di partecipare ai gruppi giovanili della parrocchia. La maggior parte già lo sta facendo. Successivamente la scuola di calcio per tutte le età, così da poter raccogliere ancora più giovani e avvicinarli a Dio (e la scusa di poter dopo giocare in una squadra professionale è un buono stimolo). Quando sarà terminato il centro giovanile avremo anche spazi per fare tutte queste cose. Continua a leggere »


Un mostro spietato contro cui combattere tutti i giorni

Postato il

Non so quale sia realmente il numero di bambini sfruttati, violentati, violati, abusati e picchiati. Ricordo, come già scrissi, che San Benito ha il triste primato mondiale di essere la città con il numero maggiore di bambine sotto i 14 anni a rimanere incinte. La violenza sessuale nei confronti dei bambini è all’ordine del giorno. Le violenze avvengono sopratutto dentro casa e non riguardano solo le famiglie degradate ma tutte le classi sociali e tutte le categorie di professionisti, alcuni davvero non pensavo nemmeno lontanamente.

Di storie tristi e angosciose che hanno come protagonisti i bambini non se ne sentono molte, ma non perchè il problema sia irrilevante, al contrario. La pedofilia è diffusissima, è tanto diffusa, che nemmeno si considera reato o peccato.  La pedofilia, qui in San Benito, è diventata, purtroppo, un dato con il quale convivere quotidianamente, accettato, e permettetemi la bestemmia (perchè la considero tale): NORMALE.  Continua a leggere »


Cristian il nostro prenovizio

Postato il

“Non mi avrebbero potuto fare un migliore regalo di compleanno che farmi iniziare una nuova fase della mia vita in un posto così bello: Peten. Il 16 gennaio ha iniziato l’esperienza che mi ha segnato fino al punto da innamorarmi sia di questa terra lontana, calad ma bella. il cambio è stato rapida e improvviso così come il viaggio. Mi sono ritrovato a servire un popolo con un grande cuore che non ha il necessario in materiali ma ha grandi doni spirituali. Pochi in realtà sappiamo lo scenario di questa città un po’ per paura dell’ignoto e non ci permettono nemmeno immaginare il vivo desiderio che i fedeli sono qui a voler conoscere e riconoscere Dio.
Una città dove il protestantesimo e laicità predomina, lasciando da parte l’amore di Dio o lo si sta cercando nel posto sbagliato. Tutto questo rende il lavoro esigente e maggiore disponibilità. Bisogna esser con lo sguardo fisso nel cielo ma con i piedi sulla Terra, puri come le colombe ma furbi come i serpenti. La nuova comunità salesiana (che ha poco più di tre anni) vive in una parrocchia povera ed è venuta a dare nuovi stimoli alla gente; Sono molti i fedeli ritornati alla fede dopo un lungo periodo di completo abbandono.

Il numero dei fedeli sta crescendo ogni giorno di più. Chiedono accompagnamento spirituale e qualcuno capace di alleviare il loro dolore interiore. Ciò non significa che tutto funzioni come un orologio svizzero perfettamente regolato, il lavoro è ancora molto lungo e faticoso; tutti i giorni, non c’è molto da fare.
Continua a leggere »


Testimonianza di Chiara Profeti

Postato il

Venuta per stare qui un mese, dopo un’altra esperienza di missione in Messico. Chiara Profeti ha poi deciso di fermarsi per oltre due mesi con noi. A quanto pare, ci si affeziona rapidamente alla nostra opera e non si vuole più andare via… Vi riporto la sua testimonianza dell’esperienza, che Lunedì prossimo lascia la nostra missione. Noi l’accompagniamo con la preghiera

13241270_1241125375912790_1129198335543517682_nMi chiamo Chiara ho 23 anni e sono Italiana,

Desidero raccontarvi quello che sono stati per me questi due mesi qui a San Benito Peten.

C´è tanta allegria nel cuore e un po’ di tristezza perché ormai sono arrivata alla conclusione di quella che è stata una magnifica esperienza, che voglio condividere, con l´augurio di poter accendere una scintilla di sana inquietudine che vi possa spingere qualcuno a voler provare almeno un po’ di questa vita per gli altri, sicuramente dura e scomoda, ma bellissima! Continua a leggere »


un aperitivo delle attività di maggio

Postato il

Questo è solo un aperitivo… perché il mese non è ancora finito e manca la festa di Maria Ausiliatrice e i nostri ragazzi quest’anno si sono sbizzarriti…

Visite straordinarie e donazioni per la nostra opera

Inizio la rassegna delle attività con un grazie speciale per tutte le persone che ci aiutano continuamente e fanno di tutto per far crescere il nostro sogno.

In questi giorni sono venuti a trovarmi papà, mamma e la nostra carissima amica e benefattrice Mariella Barberini. Sono stati quindici giorni, non molti, ma un regalo davvero gradito!!!

Continua a leggere »



Non Abbiate paura sono Io

Postato il

Più di venti secoli fa gli uomini hanno scelto il potere per umiliare Gesù, la violenza per appendere Cristo ad una croce, la prepotenza per tacitare il suo grido di libertà per l’umanità … Oggi, 2000 anni dopo, la maggior parte di noi che ci dichiariamo cristiani abbiamo a volte preferito l’indifferenza, come dire a Gesù di non complicarci troppo la vita …
La Quaresima è stata un invito a rivedere la vostra vita come cristiani, come discepoli di Cristo, a riaccendere in noi il fervore della fede. Un invito:
A digiunare: Per alzarsi ogni giorno con la fame di giustizia. Andare a lavoro con fame di solidarietà fame. Relazionarsi con i tuoi fratelli affamati di fraternità. Accogliere con favore le prove e le delusioni con fame di fede e andare a letto alla fine della giornata affamati di Dio.
A pregare. Per chiudere le porte della apatia, ai tanti rumoni che spengono il nostro cuore, alla fretta che non ci fa incontrare i fratelli, al conformismo che affoga la speranza. E lì, in segreto, dentro il tuo cuore ama, prega e parla a Dio degli uomini e agli uomini di Dio.
A servire. Perchè al tuo fianco, Gesù continua a cadere ancora e ancora sotto il peso della croce. Solo coloro che hanno occhi possono vedere le esigenze di altri fratelli e diventare cirenei. Quante persone percorrono ogni giorno a piedi la via del Calvario.

La Quaresima è stato un tempo di conversione. Una scuola per imparare ad amare, perchè senza amore è impossibile capire Dio, perché Egli, è proprio l’Amore. Continua a leggere »


Chi ci aiuta?

Postato il

All’inizio di febbraio abbiamo iniziato un progetto grandioso: Costruire il salone parrocchiale, visto che non abbiamo spazi per dare la catechesi, riunire la gente e fare le nostre attività.

Il nostro ispettore ci ha promesso di aiutarci e per questo ci sta mandando una parte delle spese, però dobbiamo trovare circa 20 mila dollari… Una parte insomma deve essere a carico nostro. Mi sono detto Don  Bosco quando ha incominciato la chiesa di Maria Ausiliatrice non aveva se non qualche spicciolo… a noi hanno promesso il 70% di tutta l’opera… vuoi che don Bosco non mi aiuti… Per cui mi sono detto, iniziamo… la Provvidenza ci aiuterà, per cui se qualcuno volesse far parte di questa Provvidenza , sono certo che il Signore vi ricompenserà abbondantemente.

Altro sogno, è la squadra di calcio. Ci siamo inscritti al campionato federale. Abbiamo già un gruppo di ragazzi che si stanno allenando tutti i giorni. Il San Lorenzo in Argentina ha fatto scuola, con il calcio si possono tirare fuori dalla strada tanti ragazzi, educarli e fargli incontrare il Signore… in questo momento tutta la squadra di calcio (a parte un paio di ragazzi che sono evangelici) dopo l’esperienza dell’anno scorso stanno partecipando ai gruppi giovanili della parroquia, stanno facendo la cresima (e vi posso assicurare che erano molto lontani dan questo).

Continua a leggere »


8 marzo 2016

Postato il

L’8 marzo si celebra anche in Guatemala la giornata mondiale della donna lavoratrice, una data che ogni anno ci ricorda che c’è poco da celebrare e ancora molto da fare per garantire i diritti alle donne in Guatemala.

Nella società guatemalteca il maschilismo è ancora molto radicato. Per capire a che punto si arriva: Una volta sono dovuto andare a chiedere ad un marito di una signora che partecipa alla pastorale della promozione della donna di permettere a sua moglie di venire a messa… Si perché non le permetteva di venire a messa, perché doveva stare in casa e pulirla.

Essendo una società profondamente maschilista, le donne hanno meno probabilità di eccellere, di studiare e di farsi una posizione sociale rispetto agli uomini, la situazione si aggrava per le donne indigene, e più se in una zona rurale. Hanno ridotte opportunità di lavoro, vengono violati continuamente i loro diritti, ricevendo retribuzioni inferiori a parità di lavoro, orari di lavoro eccessivi e non accedono al periodo di allattamento e alla maternità. Ultimamente una donna mi raccontò che lei lavorava 16 ore al giorno come cameriera in un ristorante, senza giorno di riposo e che quando c’erano feste, lavorava anche venti ore senza sosta. La pausa pranzo durava non più di quindici minuti. Lo stipendio inutile dire che non è neanche il minimo salariale, ma una donna che spesso è stata abbandonata dal marito quando è rimasta incinta, preferisce subire tutto pur di poter dare da mangiare ai propri figli. Continua a leggere »


i poveri ci salveranno… Buona quaresima

Postato il

Il 23 di febbraio sono andato al Collegio Svizzero-Americano di città del Guatemala, per raccogliere una donazione in viveri per le nostre mense per bambini.

Hanno regalato alla nostra mensa dei Bambini viveri in abbondanza. Sufficienti per almeno sei mesi e per poterne aprirne uno nuovo. Come sempre il Signore riesce ad aprire strade nei cuori generosi di tanta gente buona. Sono più di trecentocinquanta kili di riso, zucchero, fagioli e bevande a base di latte e proteine. Una vera e propria manna dal cielo…

La cosa bella è stata poter riunirmi con i bambini che hanno fatto la raccolta (insieme alle loro mamme, che li hanno accompagnati e aiutati). Mi hanno fatto domande sopra la missione e sopra il mio lavoro come missionario, chiedendomi di conoscere qualche storia dei bambini di qua. Da salesiano potete immaginare quanto sia stato bello. Mi ha fatto un effetto molto strano. Soprattutto nella foto finale che ho fatto con alcune classi… I ragazzini mi sono completamente saltati addosso quasi lasciandomi senza respirare e stringendomi come se fossi qualcosa di eccezionale, perchè ero venuto da un paese lontano per occuparmi di bambini poveri del loro paese… I Bambini sono davvero come diceva Gesù i veri eredi del Regno di Dio.  Continua a leggere »


segni di speranza di Don Bosco

Postato il

Finalmente ho un attimo libero e mi posso dedicare a scrivere due righe… ma tra le tante attività c’è qualcosa che mi da la forza per andare avanti e non fermarmi un secondo e sono dei piccoli segni di speranza che in questi giorni di festa di don Bosco, il nostro santo mi ha regalato… dei veri e propri miracoli in alcuni casi…

il primo è quello di una ragazza di 17 anni. Mi hanno chiamato perché la ragazza dal giorno alla notte aveva incominciato a dare segni di isterismo inspiegabili, era come impazzita, tanto che l’avevano legata mani e piedi per non farla scappare di casa. Non riconosceva nessuno, gridava agli ospiti. La famiglia si era spaventata. Da quello che mi hanno raccontato andava a lavoro come tutti i giorni e quando era tornata aveva incominciato le sue stranezze, tanto che pensavano in una possessione demoniaca (qui è molto frequente che la causa di tutto sia il demonio… però non si controlla se la cosa sia vera o meno). Armato di santa pazienza dopo la messa vado a visitare la famiglia e mi metto a parlare con la ragazza… a vederla fa tenerezza. legata mani e piedi, sputando dappertutto… Dicendo frasi senza senso… all’inizio non capivo nulla. La famiglia mi chiede di fare una preghiera su di lei… per scacciare lo spirito immondo. Io non ho fatto nessun corso di esorcista… però mi sono messo a parlare con la ragazza e a fargli domande e la ragazza mi rispondeva… a volte in maniera sconclusionata ma a volte bene… Gli chiedo se crede nel Signore e se sa che lui la può salvare e lei risponde di si… bene dico dentro di me… non è posseduta… Mi chiede di liberarle le mani e i piedi acconsento e con la mamma la liberiamo. Ci sediamo sul divano e la invito a pregare un ave maria… Lei risponde e inizia a pregare con me. Continua a leggere »


Imparare e crescere un mese in Guatemala

Postato il

Sono stata un mese in Guatemala ed ho RESPIRATO talmente tante cose che per riordinarle nella mia testa ci è voluto almeno un altro mese.

Sono partita con lo scopo principale di raccogliere materiale per la mia tesi di laurea… Sto per laurearmi in architettura e ho deciso di presentare come tema della tesi la costruzione di una scuola in un paese in via di sviluppo.

A San Benito la comunità salesiana sta costruendo un centro giovanile, 7 ettari di OPPORTUNITA’ , per ragazzi, donne, uomini e bambini. Una opportunità che si traduce in spazi per giocare, pregare e soprattutto per imparare e crescere.

Sì, IMPARARE e CRESCERE. La stessa opportunità che l’esperienza in Guatemala ha dato a me.

Quindi ricapitolando, sono stata un mese nel Petèn per raccogliere materiale per la mia tesi, e ritorno a casa con 2500 fotografie, cartine, appunti, schizzi, disegni…e un cuore pieno. Ho imparato e sono cresciuta.

VEDERE i sorrisi e gli occhi luminosi di persone che hanno una vita difficile, SENTIRE il coraggio delle donne di andare ancora avanti, TOCCARE tutto ciò che la comunità salesiana ha costruito per questa popolazione. Continua a leggere »


BUON NATALE!!! una festa al contrario

Postato il

La festa del Natale ogni anno è l’occasione per riflettere sull’iniziativa più sconvolgente che Dio ha intrapreso in nostro favore, che è senza dubbio quella di farsi uomo.

È nella fantasia dell’umanità il desiderio di essere come Dio. Invece Dio inaspettatamente compie per noi la strada inversa e si china sulla nostra piccolezza e si fa piccolo proprio come noi. Forse sarà difficile accettare un Dio privato della sua aura di mistero, di gloria, di unicità, di onnipotenza calato in una anonima vita di un essere umano confuso tra milioni di suoi consimili. In fondo la tradizione del presepe, ci ricorda proprio questo … vi troviamo di tutto: i magi, i pastori, la lavandaia, il fabbro, il boscaiolo, il pescatore, il fornaio … tutta l’umanità è rappresentata nella sua multiforme diversità, ma tutta si rispecchia in quel bimbo.

La festa del Natale è una festa al contrario… o meglio del contrario, perchè ci ricorda che quelle che sono il desiderio di potere, di denaro, di prestigio, di egoismo, che tanta propaganda la nostra società, sono malattie dalle quali curarci, che solo ci svuotano della nostra felictà e della nostra pace. Mentre fa una propaganda aòla solidarietà, all’umiltà come uniche strade per la vera felicità e per costruire un mondo migliore. Continua a leggere »


Preparando un natale da sogno

Postato il

In questo periodo tutte le pubblicità promettono un Natale da sogno…

Il Natale è la festa per eccellenza dei sogni, forse, perchè il Natale ci ricorda che Cristo è venuto sulla terra per annunciare all’umanità il sogno di Dio di un mondo migliore . A volte la gente che sta con me, mi dice che rendo tutto molto semplice. La fede è semplice, ecco perchè è tanto lontana dal nostro mondo, ed è per questo la nostra società tanto complicata e che cerca in tutti i modi di complicare tutto, la emargina, riducendola ad una credenza da bambini, proprio perchè troppo semplice… In fondo la fede ti dice… Credici e sposterai qualsiasi montagna. Fidati e dirai a quell’albero di andarsi a piantare nel mare e questi lo farebbe.

Troppo facile, troppo semplice eppure le fede è tutta qua. Ti dice che è possibile ciò che sembra solo un sogno. “In fondo i  sogni sono il ricordo di un’antica realtà, che Dio ha messo silenziosamente nei nostri cuori da cui l’uomo fugge impaurito per perdersi per sempre in un’ostinata ragione, che racchiude nei suoi limiti un mondo senza limiti!“. Vogliamo tenere sotto controllo tutto, ma Dio si diverte a scombinare quello che pensi di poter controllare. Continua a leggere »


Riprendendo le attività – ritornando al Petèn

Postato il

Ormai è quasi un mese che sono tornato… approfitto per un piccolo resoconto delle attività che stiamo svolgendo.

Oratorio Estivo

Il nostro piccolo oratorio estivo è in piena attività e lo sarà per tutto il mese di Novembre. Corso di computer, danza, musica e canto, spagnolo, inglese, matematica, artigianato… tanti giochi e soprattutto il clima di famiglia di una casa salesiana…

Proprio oggi, mi è successa una cosa bellissima. C’è una ragazza orfana che viene da una casa famiglia, il papà molto violento. Non si è mai voluta integrare negli anni passati nell’oratorio. Non si è mai voluta fare neanche una foto. Già l’anno scorso la situazione era molto migliorata… Quest’anno sta partecipando a tutte le attività Oggi gli ho scattato una foto e poi gliel’ho fatta vedere… dicendo guarda come sei venuta bene nella foto. Le si sono illuminati gli occhi e mi ha abbracciato (non l’aveva mai fatto… non lo fa con nessuno, non gli è stato insegnato il valore di un abbraccio). La magia del clima di famiglia… del clima di amorevolezza che voleva don Bosco e che fa miracoli… Continua a leggere »


Buon Compleanno Don Bosco!!!

Postato il

Mi perdonerete che in Luglio ho scritto poco e nulla, in cambio ora vi mando le foto dei nostri festeggiamenti per il compleanno di don Bosco, insieme a varie foto delle nostre attivitá. Buona lettura!!!

FESTEGGIAMENTI PER IL BICENTENARIO DI DON BOSCO

Essendo periodo lavorativo e non festivo come in Italia, abbiamo potuto radunare un sacco di gente per far festa al nostro amato santo e fare diverse attivitá

Quadrangolare tra i gruppi giovanili della parrocchia

Continua a leggere »


Piccole lezioni di calcio

Postato il

Forse non sará una di quelle foto che passará alla storia, o che i quotidiani sportivi pubblicizzeranno, ma per me vale tantissimo. Terminata la finale della Bchampion, il campionato degli oratori in onore al bicentenario di Don Bosco. La squadra del Petén ha appena perso. Come tutte le partite, prima e dopo di giocare i giocatori si riuniscono in un cerchio e pregano un semplice Padre nostro accompagnato da alcune parole del capitano, non é la scaramanzia dei giocatori che si fanno la croce come un segno magico, per invocare fortuna, é la fede che si esprime nei gesti quotidiani. Ringraziare dopo aver perso, con gli occhi ancora pieni di lacrime, perché la sconfitta brucia ancora sulla pelle. Ringraziare per essere arrivati fin lí, per essere cresciuti insieme.

Chi ha fatto sport sa cosa vuol dire fare sacrifici, dare tutto per raggiungere la vittoria e fermarsi ad un passo da essa. Gli é costato sacrifici arrivare in finale. Hanno preparato pranzi e li hanno venduti tutte le settimane per poter pagarsi il viaggio (anche se poi alla fine la parrocchia metteva quello che mancava).  Continua a leggere »


Intervista ai nostri volontari spagnoli

Postato il

Dopo l’esperienza missionaria vissuta da un gruppo di volontari salesiani Spagnoli durante l’estate del 2014 accompagnati dal Padre Paolo Labrado, dove hanno incontrato la realtà esistente e il progetto salesiano di San Benito, è iniziato una collaborazione tra le due case sotto vari punti di vista, la quale ha fatto un nascere un sentimento missionario nella casa salesiana di Aranjuez, generando un movimento che ha portato un altro gruppo di salesiani cooperatori a rifare l’esperienza dello scorso anno quest’estate. Gli ho chiesto di raccontarci un po’ la loro esperienza e soprattutto perché ritornare. Non sempre chi va l’estate in missione ritorna l’anno successivo. Loro si sono affezionati alla nostra casa:

“Ci sono diversi motivi che ci hanno portato a rivivere l’esperienza in Peten: la preoccupazione di fare un volontario con i giovani e conoscere altre realtà; portare il contributo economico che i ragazzi della nostra opera ha raccolto attraverso  vari progetti salesiani di Aranjuez; per comprendere la vita come un servizio agli altri al di là della comunità di origine; continuare il Movimento Giovanile Salesiano, portando questo carisma di Don Bosco al di lá le frontiere, con la voce dei giovani, sia come San Benito che ad Aranjuez.

Continua a leggere »


Statistiche per riflettere

Postato il

imagesDa un foglietto di “Materiales Pedagógicos de la Agenda Latinoamericana 2010”.

Leggendolo mi ha fatto pensare un po’, così ve lo condivido Disuguaglianza economica SOCIALE Se aggiungiamo il reddito del 20% più ricco e il 20% più povero, e facciamo una torta, vorremmo questo: MA LA DISTRIBUZIONE DELLA TORTA sarebbe così: 1989: 3.10% e 96.90% per i poveri dai ricchi 2000: 2,80% e 97,20% per i poveri dai ricchi 2004: 1.10% e 98.90% per i poveri dai ricchi Nel 1989 il ricco possedeva 19,3 volte più beni rispetto ai poveri. Nel 2004 aveva già 34,2 volte più poveri. Nell’anno 2010 la disuguaglianza rimane e si concentra tra proprietari di allevamenti, possessori di miniere e delle minoranze commerciali.

MALNUTRIZIONE: Il 40% degli oltre 14 milioni di persone sono colpite dalla fame. 49% dei bambini sotto i 5 anni soffre di malnutrizione cronica. Questo sale al 69,5% tra i bambini indigeni. In 49 comuni che la fame è tanto forte che si chiama Hambruna (Carestia). Abbiamo preso il 6 ° posto nel mondo e 1 in America Latina. Urge una educazione alimentare! Proprietà della Terra: 54% degli agricoltori poveri ha il 4% dei terreni agricoli; mentre il 2,6% di ricchi proprietari terrieri occupa il 66% dei migliori terreni agricoli del paese. Gli indigeni, del cui lavoro mangia tutto il paese, hanno un piccolo terreno e come strumento una zappa, un machete e una pala. Se gli indigeni facessero uno sciopero per un mese, il resto dei guatemaltechi morirebbe di fame. Producono ciò che mangiamo, lo vendono nei mercati e lo cucinano (i ricchi) a casa. Tra i proprietari di proprietà multifamiliari, 81 ogni cento sono in mani a gente di etnia Ladina, 14 in mani indigeni e solo cinque sono donne. I proprietari terrieri esportano tutto quello che producono producendo fame! Continua a leggere »


Come sempre tanti sogni… ora uno immenso: una casa per i giovani di San Benito

Postato il

Centro Giovanile in costruzione

Finalmente ci siamo… dopo tante battaglie per ottenere dal comune un terreno nel quale costruire il nostro centro giovanile, stiamo finalmente iniziando i lavori.  Per ora abbiamo disboscato il terreno (che era selva), fatto le misurazioni del terreno e iniziato a spianare tutto il terreno. Per fortuna il terreno è abbastanza piano.

Si dice che don Bosco abbia dovuto faticare non poco per trovare la sede del suo oratorio. Ora capisco veramente quanto gli si deve essere riempito il cuore di gioia quando finalmente ha trovato una casa per i suoi ragazzi. Ora sto aspettando che l’architetto prepari il progetto definito e renda il nostro sogno, già qualcosa di più concreto. Spero di poter condividere presto il progetto su carta in maniera che potremmo condividere anche la costruzione di esso. Intanto, terminato di spianare il terreno passeremo a costruire la recinzione, già questa sarà una bella impresa da portare a termine, già stiamo esaminando vari preventivi. Sperando che la gente ci aiuti economicamente in questa opera per il bene della gioventù pericolante del petèn Continua a leggere »


Poche foto… per raccontare tante attività

Postato il

Sono tante le attività svolte in questi mesi… vi racconto un po’ di notizie di quello che abbiamo fatto

Prima di tutto. Il nostro oratorio è andato in trasferta. Abbiamo partecipato alla giornata nazionale degli oratori in Guatemala, siamo andati con 35 ragazzini in due pulmini… il viaggio è stato abbastanza lungo circa 10 ore e tutti belli stretti, ma è stata una bella esperienza per tutti.

Purtroppo è terminato un progetto che sosteneva economicamente la parrocchia nella nostra cura pastorale ai seriopositivi. Petèn è molto lontano dal resto del mondo civilizzato e per questo i costi del donante erano troppo elevati ed hanno deciso di ritirarsi. Hanno chiuso altri 12 progetti insieme al nostro, ma io sono sicuro che il Signore farà in modo di farci incontrare nuovi finanziatori. Chiusa una porta si apre un portone… Alcune foto della giornata finale, in cui abbiamo riunito tutte le famiglie celebrando l’eucaristia e offrendogli un pranzo succulento Continua a leggere »


Dategli voi stessi da mangiare! corresponsabilità e servizio

Postato il

 Cari amici, prima di tutto mi scuso per non essermi fatto sentire molto in questi giorni, per colpa delle tante attività.

Questa settimana sto assistendo ad un corso di formazione per gli amministratori di diocesi organizzata dalla conferenza episcopale del latino America (eh si… me tocca, visto che sono un novellino in amministrazione di Diocesi). Devo ammettere che pensavo di andare ad un incontro molto tecnico e pratico su come fare e quello che fare per raccogliere fondi per autosostenere la Diocesi, forse, perché ho sempre considerato l’economia una questione molto pratica, mentre è stato quasi un ritiro spirituale. Si è affrontato il tema dal punto di vista della corresponsabilità. Condivido, così, alcune riflessioni che mi sono nate in questi giorni.

Partendo dalla lectio divina sul racconto della moltiplicazione dei pani e pesci di Gesù abbiamo riflettuto della importanza di vivere la corresponsabilità con i nostri laici. Mi è piaciuto il fatto che si è presentata la corresponsabilità come uno stile di vita. Corresponsabilità è donare, quello che io ho ricevuto da Dio. Corresponsabilità è riconoscere che tutto mi viene da Dio e che sono chiamato a essere grato di questo dono e generosamente donarlo nuovamente. È fare Eucaristia tutti i giorni. Una persona è avara perché non è grata, o meglio non si è reso conto di quanto Dio gli abbia donato. Continua a leggere »


Buona Pasqua!!! ricordati che devi risorgere

Postato il

 RICORDATI CHE RISORGERAI

Pasqua quell’anno cadeva in una data più consueta.
Andrea giunse alla chiesa parrocchiale con largo anticipo. Il paese era ancora semideserto.
Non ebbe difficoltà a individuare la grande chiesa. Entrò nella sagrestia.
Scorse subito l’amico che era andato a trovare ed ebbe tutto il tempo di salutarlo con calore.
Era diverso tempo che non lo vedeva, perché era andato all’estero per motivi di studio
Era tornato da poco in Italia per aiutare il vecchio parroco di un grosso paese della bassa padana. Parlarono un poco di studi biblici, argomento che li accomunava pur nella diversità dei rispettivi interessi e occupazioni.
Arrivò anche il parroco e cominciò a scrutarli: l’inattesa irruzione in sacrestia non gli piacque molto.
Nei suoi occhi era facile scorgere una muta domanda: chi è mai costui? Di che parlano?
Andrea si presentò; dopo pochi convenevoli, il vecchio prete lo volle mettere alla prova imponendogli di servir messa. A quell’ora mattutina non c’erano ragazzi a portata di mano. Era evidente che si trattava di un esame; se avesse declinato l’invito sarebbe passato immediatamente nel registro dei sospetti. Continua a leggere »


Per preparsi alla Pasqua che viene

Postato il

San Giovanni usa più volte nel suo vangelo il termine “gloria” (doxa). Quando noi leggiamo questa parola pensiamo a tutt’altro. Pensiamo alla fama, all’essere famosi, sulla cresta dell’onda, conosciuti, stimati, adulati, venerati. Pensiamo ai divi della tv o ai campioni dello sport o della musica.

Ma per Giovanni la “gloria” è quando nella tua vita si rende manifesto, visibile, trasparente Dio. Nell’antico testamento, la gloria di Dio era la nube che accompagnava il popolo di Israele nel suo peregrinare. Gesù è la “gloria di Dio”. Gesù fa vedere la gloria di Dio quando guarisce, quando accoglie i peccatori, quando resuscita Lazzaro, quando vive la trasfigurazione o quando dice le beatitudini. Ma il culmine della sua gloria, è la croce. Nella croce noi vediamo che Dio sacrifica quello quanto ha di più prezioso per dimostrare di amarci, di starci sempre vicino.

Sacrificio, questa parola, che tanto urta la nostra sensibilità. Normalmente la associamo a dolore, a perdita a qualcosa di negativo. In realtà non lo è, ma ad una condizione. Quante mamme e papà si svegliano la notte per accudire i figli che piangono… e non gli costa assolutamente, perchè è loro figlio…lo amano!!! O quello che fa un innammorato per il suo amore… Un sacrificio fatto per amore non costa nulla a chi lo fa. Il sacrificio di Gesù ci svela il volto di Dio-Amore, che sacrifica quello che ha di più prezioso, la vita del suo figlio amato, per dirci quanto ci ama!!! Continua a leggere »


Il nostro 8 Marzo: i frutti di un anno di lavoro

Postato il

 A volte l’8 marzo diventa la festa dei grandi proclami e delle facili frasi sdolcinate ad effetto, che lasciano il tempo che trovano. Nel libro “io speriamo che me la cavo” c’è una storia che sempre mi fa pensare: “Io penzo (e credo) che la donna deve essere uguale a l’uomo, perché non è giusto che non è uguale. L’8 Marzo la donna deve essere uguale, all’uomo! In quel giorno tutti gli uomini portano le mimose alle donne, e anche agli altri uomini, però io conosco un uomo che l’8 Marzo a una donna gli diede un calcio. Melo ha raccontato mio patre.

Mio patre porta i tram adesso, ma una volta faceva il pompiere. Allora accadde che una donna dell’8 Marzo si voleva buttare giù dal tetto, e chiamarono i pompieri. Mio patre era quello che saliva sulle case per non fare gettare la gente dai palazzi. Lui salì, e quando si trovò faccia a faccia con la pazza gli disse: «Ma tu perché ti vuoi buttare per farci passare un guai a noi?».
Allora quella un pocò ci penzò ancora se si voleva buttare o ritornare nel salotto, e penzò di buttarsi. Ma anche mio patre si buttò su di lei e la prese. Quando scesero giù, un amico di mio patre, che era pompiere (ma giù) diede un calcio alla pazza per la paura che s’era preso. Io se ero quel signore il calcio non glielo davo quel giorno ch’era l’8 Marzo, un altro giorno sì” .Molte volte questa commemorazione diventa questo o un momento di frasi smielate che si dimenticano il giorno seguente e la vita segue uguale con le solite ingiustizie. Continua a leggere »


resoconto di febbraio

Postato il

Cari amici,

Vi racconto un po’ le attività svolte in questo mese:

Riunione con i genitori dei bambini che ricevono la borsa di studio. Il tema è stato la gestione dei conflitti ei modi per risolverlo. La cosa interessante è stata una domanda che mi hanno fatto a me a parte: “Padre, ma i suoi genitori non lo picchiavano?”. Risposta mia: ” che io mi ricordi no… e non ero cero un bambino tranquillp, però si parlava e mi facevano raggionare”. Riflessione della mamma: “A me mi picchiavano con il bastone. ma oggi ci hanno detto che non si deve fare lo steso con i propri figli. Sarà vero?”.

Continua a leggere »


La terribile realtà … San Benito peten citato del New York Times

Postato il

 Un rapporto pubblicato Domenica scorsa dal quotidiano “The New York Times” mette in evidenza i casi di ragazze incinte in San Benito Petén, che hanno sposato, uomini molto più grandi, prima dei 14 anni, l’età legale per il matrimonio con il consenso dei genitori.

Nell’articolo di Stephanie Sinclair, vincitore del Premio Pulitzer, presenta le storie di adolescenti che hanno sposato e che sono diventate madri in condizioni precarie. Sinclair ha visitato diversi villaggi nella zona di sviluppare un progetto che un’organizzazione “Too Young to Wed”, con il sostegno del Fondo per la popolazione, le Nazioni Unite.

In Guatemala il 53% delle donne di età compresa tra 20-24 anni si è sposata prima dei 18, e il 13% prima dei 15 anni, secondo il Concilio della popolazione.

“Molti di questi bambini affrontano gravi situazioni simili a quelle di ragazze spose in altre nazioni in via di sviluppo. Hanno lasciato i loro studi, sono state oggetto di violenza fisica e sessuale; gravidanze a rischio, senza assistenza medica, e per molti aspetti sono controllati da uomini più grandi che li trattano come servi sessuali e domestiche Continua a leggere »


Inizia un nuovo anno… tante speranze… tanto da fare

Postato il

Dopo le vacanze ricominciano tutte le attività. Si riprende un anno, con tanti progetti da voler realizzare, tanti sogni, tante speranze e tanto davvero tanto da fare. Un piccolo resoconto di queste due ultime settimane:

 Borse di studio

Stiamo selezionando con il gruppo della pastorale dell’educazione i candidati alle nuove borse di studio. Quest’anno raggiungiamo il numero è aumentato considerevolmente, molto più del doppio dell’anno scorso. Sono 38 quelle per bambini e 5 quelle per le mamme, raggiungendo un totale di 43 borse di studio. Poco alla volta aumentiamo e poco alla volta cerchiamo di rispondere alle esigenze della gente del posto. Le domande sono sempre tante e molto di più delle borse di studio che possiamo dare. Inoltre, c’è un lavoro minuzionso dietro,  quello di controllare che le borse di studio arrivino davvero a chi ne ha più bisogno, ma per fortuna ho buoni collaboratori. La borsa di studio è uno strumento molto utile, perchè mi da la possibilità di obbligare i genitori a far studiare i figli, perchè se non portano buoni voti, perdono la borsa di studio. Continua a leggere »


vedere nelle difficoltà e nei problemi una opportunità…

Postato il

L’altro giorno mi chiama un amico su Skype e parliamo di varie cose. Ad un certo punto mi dice una cosa, che mi ha fatto ricordare come ho incominciato una mia omelia per il giorno dei santi, dissi: “Ultimamente nel cinema proiettano un sacco di pellicole sui supereroi. La chiesa ha i suoi, e sono i santi (perdonatemi ma sono cresciuto con la collana Eroi che facevano i salesiani…che erano le vite dei santi…), gente che ha saputo lottare perchè il bene trionfi e che ha saputo vedere nelle difficoltà e nei problemi che li attorniavano, un’opportunità o meglio vedevano che lì Dio li chiamava a fare qualcosa e quindi invece di fare come facciamo tutti, cioè iniziare a dire questo non va, quest’altro nemmeno… si sono rimboccati le maniche e hanno deciso di cambiare il mondo. Così Don Bosco, vide nella povertà dei suoi giovani una chiamata di Dio. La Pira, ha visto che la politica del suo tempo necessitava di persone che portassero un vento nuovo. San Filippo Neri e San Francesco d’assisi videro nei poveri e nella povertà, un’occasione di mettere al servizio i doni che avevano ricevuto da Dio. Non solo, ma hanno finito, per incontrare Dio in quella chiamata e a trasformare quello che facevano in un’offerta gradita a Dio”. Quanto il mondo ha bisogno di santi, di gente che si metta al servizio del bene e dei bisogni della gente, che voglia costruire un mondo migliore.

Ora, ci prepariamo a festeggiare la festa di Don Bosco. C’è una frase di don Bosco tra le tante che mi ha sempre colpito: “Quanti prodigi ha operato il Signore in mezzo a noi. Ma quanti più ne avrebbe compiuti se Don Bosco avesse avuto più fede“. E, verso la fine della sua vita, don Bosco ammetterà: “Se io avessi avuto cento volte più fede, avrei fatto cento volte più di quello che ho fatto“. Comprendo la profondità di queste due frasi di don Bosco. Lo ammetto anche io, è difficile fidarsi di Dio. Spesso, è molto più facile poggiare e contare sulle proprie forze Continua a leggere »


vicini alla gente…vicini a Dio

Postato il

 TANTI AUGURI PER LE FESTE PASSATE E DI UN NUOVO ANNO ALLA LUCE DEL SIGNORE.

C’è una bellissima scena nell’ultimo film di don Bosco, che mi aiuta a raccontarvi le esperienze che ho vissuto in questi giorni. Giovannino sta accompagnando alla messa don Calosso. Passando per il paesino incontrano un bambino che sta male con la febbre. Don Calosso, si ferma, da alla madre i soldi per le cure mediche, e solo dopo va verso la Chiesa per celebrare messa. Giovannino colpito dal gesto del sacerdote, gli dice che da grande vuole essere proprio come lui.

Il segreto di don Calosso è che sa tutto del suo paesino, ne conosce le persone, le visita, sa quello di cui soffrono e di quello di cui hanno bisogno. L’esperienza che sto facendo in questi anni in missione, è proprio questa. Sto in mezzo alla gente, sto con loro. Papa Francesco, dice che il sacerdote deve puzzare di pecora, non c’è definizione più bella che potesse dare del sacerdote. Devo dire che a volte mi sembra qualcosa di spropositato. Di irrealizzabile… Penso alla mia parrocchia con 60000 persone. Come si può essere presenti nella vita di così tanta gente. Veramente non ne ho idea, cerco di essere disponibile, quando mi chiamano, cerco di valorizzare il tempo che passo con loro, imparando a non guardare l’orologio (cosa che non sempre mi risulta facile). Tutta questa lunga introduzione per raccontare alcune esperienze di questi giorni che sono state delle lezioni di vita.

Prima lezione (VOLONTA’): Termino la messa e inizia a cadere un nubifragio vero e proprio. Si avvicina una famiglia e mi chiede se la posso accompagnare a casa con la macchina. Sono una ventina tra persone grandi e bambini (la famiglia comprende nonna 40enne figlie ventenni e nipotini trai 2 e gli 8 anni). Chiaramente accetto. Vi posso giurare, che queste persone con i bambini hanno camminato quattro o cinque kilometri a piedi per venire alla messa. Io mi sono detto, ma io in Italia per andare a messa avrei fatto tutta quella strada e mi sono sentito un verme, soprattutto pensando che avrebbero fatto il viaggio di ritorno scalzi e sotto la pioggia. Continua a leggere »


Vi auguro un Buon Natale da pecorella nera…

Postato il

 C’era una volta una pecora diversa da tutte le altre. Le pecore, si sa, sono bianche; lei invece era nera, nera come la pece.

Quando passava per i campi tutti la deridevano, perché in un gregge tutto bianco spiccava come una macchia di inchiostro su un lenzuolo bianco: “Guarda una pecora nera! Che animale originale; chi crede mai di essere?”. Anche le compagne pecore le gridavano dietro: “Pecora sbagliata, non sai che le pecore devono essere tutte uguali, tutte avvolte di bianca lana?”. La pecora nera non ne poteva più, quelle parole erano come pietre e non riusciva a digerirle.

E così decise di uscire dal gregge e andarsene sui monti, da sola: almeno là avrebbe potuto brucare in pace e riposarsi all’ombra dei pini. Ma nemmeno in montagna trovò pace. “Che vivere è questo? Sempre da sola!”, si diceva dopo che il sole tramontava e la notte arrivava.

Una sera, con la faccia tutta piena di lacrime, vide lontano una grotta illuminata da una debole luce. “Dormirò là dentro” e si mise a correre. Correva come se qualcuno la attirasse. “Chi sei?”, le domandò una voce appena fu entrata. “Sono una pecora che nessuno vuole: una pecora nera! Mi hanno buttata fuori dei gregge”.

“La stessa cosa è capitata a noi! Anche per noi non c’era posto con gli altri nell’albergo. Abbiamo dovuto ripararci qui, io Giuseppe e mia moglie Maria. Proprio qui ci è nato un bel bambino. Eccolo!”. La pecora nera era piena di gioia. Prima di tutte le altre poteva vedere il piccolo Gesù. “Avrà freddo; lasciate che mi metta vicino per riscaldarlo!”. Maria e Giuseppe risposero con un sorriso. La pecora si avvicinò stretta stretta al bambino e lo accarezzò con la sua lana.

Gesù si svegliò e le bisbigliò nell’orecchio: “Proprio per questo sono venuto: per le pecore smarrite!”. La pecora si mise a belare di felicità. Dal cielo gli angeli intonarono il “Gloria”. Continua a leggere »


Buon compleanno missione in Petèn

Postato il

vida_de_la_virgen_maria_inmaculada_1_20121204L’8 di Dicembre, la missione del Petén compie due anni!!! e lo abbiamo festeggiato nel migliore dei modi, proprio come avrebbe voluto Don Bosco. Con i bambini e i giovani della nostra parrocchia, sopratutto quelli dei quartieri più poveri

Abbiamo organizzato un pomeriggio di giochi ai quali hanno partecipato piú di quattrocento tra bambini e ragazzi. Con un bus e con i pickup della parrocchia siamo anche andati a raccogliere i bambini nei loro quartieri, cosí da far venire i bambini dei quartieri poveri.

Abbiamo iniziato con un’ave Maria, in ricordo di quella prima ave Maria con la quale Don Bosco inizió tutta la sua opera. Un gesto simbolico, ma non solo. Era la prima volta che si celebrava il cerchio mariano, nella nostra missione. Grazie ad una donazione proveniente dalla spagna si é potuto regalare un giocattolo ad ogni bambino  per fargli festeggiare il Natale, per molti di loro sará l’unico regalo che riceveranno…  La maggior parte dei quartieri della nostra parrocchia sono molto poveri. Continua a leggere »


Se non hai pane…

Postato il

Vi racconto una delle mie tante ultime peripezie. Vado ad uno dei tre villaggi per celebrare la messa. Avevo già celebrato altre due messe ed erano circa le 11 di mattina. Arrivo nel villaggio, e per un incomprensione con la segretaria (mi aspettavano un’ora prima, già avevano cominciato la celebrazione della parola di Dio, pensando che non sarei più arrivato), tiro fuori le cose per celebrare la messa e mi accorgo che la sacrestana si è scordata di mettere le ostie nella mia borsa. Avevo fatto tutto di corsa e non avevo avuto il tempo di controllare se c’era tutto. Tornare indietro per prendere le ostie e ritornare avrebbe richiesto troppo tempo (mezz’ora per andare ed un’altra per tornare) e non ce lo avevo visto che normalmente la gente pranza a 12. Non avrei mai fatto in tempo (nonostante la mia guida). All’inizio ho pensato, continuiamo la celebrazione della parola di Dio, infondo l’hanno già iniziata.

Non volevo, però, far rimanere male la gente che era venuta. Camminare anche un’ora per andare alla messa e poi la messa non c’è… diciamo che non è proprio il massimo, io mi sarei alquanto alterato e devo dire che i nostri fedeli sono a volte fin troppo pazienti. Così mi sono detto “devo trovare assolutamente una soluzione”. Non avendo la stessa capacità di Gesù di fare i miracoli e di moltiplicare il pane, chiedo alla gente che stava in Chiesa se avesse in casa un poco di farina di grano. Continua a leggere »


se hai due rupie

Postato il

In questi giorni abbiamo avuto l’incontro dei religiosi del vicariato. Così ho avuto un po’ di tempo per la riflessione personale. Il vescovo, Mons. Mario Fiandri ha celebrato la messa con noi. Nella sua omelia tra le tante cose che ha detta ha citato Madre Teresa che una volta disse: “se hai un povero che bussa alla tua porta e hai solo due rupie, con una compra cibo per poterlo sfamare e con l’altra compragli un mazzo di fiori per tirargli su il morale“.

Questa frase mi ha fatto parecchio riflettere. Non basta fare il bene ai poveri, ma farli sentire come principi. Per noi cristiani la carità va fatta con amore, deve creare una relazione vera con chi hai di fronte, altrimenti è serve solo a tacitare la coscienza e mi è venuto in mente il vangelo delle beatitudini. Ad un certo punto dice “Beati voi afflitti” e nell’altra versione di Luca “Beati voi che piangete”… piangere ed essere affliti fa a cazzotti con la promessa di felicità di Dio…a meno che non ci sia qualcosaltro dietro. Sono beati coloro che sanno commuoversi davanti alla sofferenza dei propri fratelli. Sono beati perchè nel loro cuore alberga l’amore di Dio. 

Tornando in parrochia mi aspettava l’oratorio estivo.Resto davvero meravigliato dal fatto che ragazzini e bimbi dai 7 ai 14 anni si riuniscano tutti i giorni per un mese intero per studiare. In Italia le attività estive sono soprattutto ludiche. Chi ti verrebbe a studiare durante le vacanze. Qui, invece, hai un sacco di bambini che vengono per poter studiare e molti non vengono per le distanze (provvederò con il pickup…mi sto organizzando). Così, io mi rianimo e trovo le forze, che forze a volte scemano per quello che vedi intorno (in fondo quello che racconto nelle mail è solo una parte) e mi ricordo del perchè sono qui. Per loro, che hanno voglia di cambiare, che hanno voglia di avere una possibilità di vita.

Mi rimetto a sorridere con speranza perchè il mio è un Dio che sorride sempre…  Continua a leggere »


Quanto vale una vita umana?

Postato il

Una domanda che può essere banale per chi sta in un mondo nel quale, la medicina è un diritto acquisito per tutti, la vita umana non è continuamente minacciata. Oggi, 2 di Noviembre, giorno in cui la Chiesa ricorda i fedeli dei defunti, è una domanda che mi si pone in maniera forte, anche a causa di alcune vicende che mi hanno fatto riflettere:

1) La notte andiamo come sempre a distribuire cibo alla gente povera che accompagna i malai in ospedale. Arriva di urgenza una bambina morsa da un serpente. Il barbamariglia è un serpente che uccide in poche ore. La dottoressa dice ai parenti che hanno finito in ospedale le scorte di siero antiveleno. Proviamo a chiamare all’altro ospedale di Petèn che ugualmente non ha il siero (Premetto, rimanere senza siero antiveleno in Petèn, è come in Italia rimanere senza aspirina, i serpenti velenosi sono comunissimi e i morsi ancora di più). Dicono alla Signora, che può cercare di comprarlo in farmacia (se ce l’hanno) ed ogni fiala vale 550 quetzal. La signora è indigena, non ha neanche i soldi per mangiare. Ci vogliono almeno otto fiale per far vivere la bambina. Per ora siamo riusciti a comprarne una. La bambina è sopravvissuta, sono due giorni che sta nell’ospedale, in realtà il serpente non l’ha morsa bene. Quello che più mi ha scandalizzato è che il medico con naturalezza ha detto alla famiglia: “Non abbiamo siero, sua figlia morirà, non possiamo fare niente”. Quanto vale una vita, per un medico esattamente nulla. La vita umana è un business. Chi ha i soldi vive. Gli altri si arrangiano come possono. Continua a leggere »


Ottobre mese missionario

Postato il

imagesCarissimi amici,

Sono passati già tre anni da quando il 1 di Ottobre del 2011 salutavo l’Italia e partivo per il Centro America. Il tempo vola…

In questi giorni ho avuto diverse esperienze che condivido:

L’altro giorno si è presentata alla parrocchia una signora chiedendo di battezzare un bambino che era già morto. Le spiego che non le potevo dare il battesimo, ma che non doveva preoccuparsi dell’anima del bambino perchè sicuramente stava in cielo. A quel punto gli dico che possiamo fare il funerale in Chiesa e che ero disponibile io a celebrarlo. A quel punto la signora mi dice: “Padre, il bambino sta ancora nel ventre della mamma, che è stata uccisa dal marito, che l’ha ammazzata sparandole allo stomaco e due colpi alla testa” (mi perdonerete la crudezza dei dettagli, ma riporto la conversazione)

A quel punto la signora che l’accompagnava che era la sorella maggiore della persona uccisa continua: “Il marito è scappato, e ha caricato il cadavere nell’auto e lo voleva buttare in un burroni della capitale. La polizia lo ha rincorso e lo hanno catturato dopo un lungo inseguimento”.

Rispondo: “facciamo il funerale con tutti e due”.

La madre mi risponde “Padre, purtroppo, neanche mia figlia non è battezzata”.

Rispondo senza pensarci: “Il funerale si può fare ugualmente”. Non so se non si possa fare un funerale ad una persona che non è battezzata, e devo dire che non mi sono neanche documentato o chiesto se quello che facevo era giusto o sbagliato. Ho semplicemente pensato ad una frase che ha detto papa Francesco quando ordinò i 13 nuovi sacerdoti. Una frase che sto cercando di prendere sul serio nella mia vita sacerdotale. “Abbiate misericordia, tanta  e se viene in voi lo scrupolo di esser troppo perdonatori pensate a quel santo prete che andava davanti al tabernacolo e diceva ‘Signore, perdonami se ho perdonato troppo, ma sei tu che mi hai dato il cattivo esempio”. Il funerale è stato un momento molto forte, nella mia vita sacerdotale. Ho fatto molti funerali di persone uccise tragicamente da quando sono qui in missione, ma mai di un bambino (in realtà non avevo mai celebrato il funerale di nessun bambino ancora). Spero che le mie preghiere abbiano accompagnato l’anima di questo angioletto nel seno del Padre. Continua a leggere »


una piccola luce è in grado di dissipare le tenebre più oscure

Postato il

downloadCredo che questa frase possa sintetizzare bene quelle che sto vivendo in questo momento:

Sono stati giorni piuttosti intensi e difficili per vari motivi:

Prima di tutto, la situazione difficile e di violenza che si sta creando in San Bneito. É un periodo in cui gli omicidi sono aumentati esponenzialmente (per non parlare dei furti, e di tutti gli atti criminali) le morti sono all’ordine del giorno e ormai neanche le conto. Addirittura abbiamo avuto una sparatoia in uno dei cortili di una nostra cappellina (quella della Vergine della Pace… sembra un controsenso), per fortuna non c’era nessuno in quel momento, è stato uno scontro tra bande ed una si era rifugiata nel cortile della Chiesa. Già sapete del furto del Tabernacolo, abbiamo fatto un po’ di domande e si è scoperto che è stato rubato dal genero di una signora indigena della Chiesa. É un boss locale, ed è un tipo pericoloso, la suocera è andata a chiedergli di ridargli perlomeno le ostie e lui gli ha risposto di farsi gli affari suoi, perchè altrimenti l’unica cosa che avrebbe trovato era una pallottola. Hanno tentato di sequestrare un signore della parrocchia, per fortuna, l’uomo è riuscito a scappare in tempo, ma è vivo per miracolo, la figlia, una ragazza davvero dolcissima, di quelle che non riuscirebbe a fare male ad una mosca, ora vive con il terrore, non esce di casa, per paura di fare la stessa fine. Vederla piangere e soffrire per la paura di uscire di casa, è duro da accettare.

Secondo, la quantità di lavoro che è aumentata terribilmente, perchè Padre Michele, sta in Italia in vacanza e quindi siamo solo in due e dobbiamo sostituirlo. Il problema che in questo momento anche vari sacerdoti sono in vacanza e con Shiju stiamo coprendo anche altre parrocchie (non ci facciamo mancare proprio niente…). Questa settimana sto per battere il mio precedente record di messe in una settimana, dovrei arrivare a 20 se non ci sono funerali all’ultimo minuto tra oggi e domani… Continua a leggere »


Un grande problema…leggete e pregateci su per favore!!!

Postato il

Carissimi amici,

vi scrivo visto che ci è capitato un bel problema. Ieri notte, nel Barrio di Panorama, sono entrati i ladri e hanno rubato il tabernacolo. Si sono rubati anche altre cose: una sedia, tovaglie dell’altare, la statua della madonna di Guadalupe.

Chiaramente quello che mi fa davvero male è il fatto che si siano rubato le ostie consacrate. Premetto il nostro tabernacolo è di legno e neanche di legno pregiato e la pisside che conteneva le ostie, manco a dirlo di legno pure quello, siamo in missione non possiamo permetterci altro e gli unici oggetti sacri un po’ più preziosi (sono quelli che mi hanno regalato ed erano usati). Ora capisco lo stato della maddalena quando dice “hanno rubato il corpo del mio Signore e non sappiamo dove l’hanno messo”.

Vi chedo di pregare (per questa settimana almeno cinque minuti prima di andare a dormire… non è un grande impegno) e chiedere la grazia della conversione di queste persone e che ci facciano avere le ostie indietro e ci facciano capire dove sono finite. So che il Signore fa miracoli… vi prego di aiutarmi in questo…

Non pensavo di dover vivere questa brutta esperienza in missione… la povertà è anche questo…purtroppo.


Ricordatorio… borse di studio

Postato il

In Italia fremono i preparativi per la riapertura della scuola di ogni ordine e grado…, io approfitto per ricordare la possibilità di aiutarci con le borse di studio sia per i bambini che per le mamme che vogliono studiare.

Ricordo a coloro che hanno già  sostenuto il progetto l’anno scorso  di inviare la quota per il prossimo anno entro Novembre e a coloro che vorrebbero  iniziare ad aiutare di far pervenire la propria adesione entro la fine di Ottobre…

Approfitto per mandarvi alcuni stralci delle lettere che i bambini e le mamme hanno mandato ai loro padrini, per mettervi a conoscenza…

Vi dico che io e i miei due fratelli viviamo con i nonni; loro ci stanno crescendo perché mia mamma morì in un incidente mentre rientrava dal lavoro.

Ringrazio Dio di averci dato dei nonni che ci amano e ci consigliano per insegnarci le vie del Signore. Sono molto  contenta di poter partecipare alle iniziative della Chiesa: Sono catechista dei bambini, coordino anche i canti e le letture durante le celebrazioni. Ho già fatto la prima comunione e sono molto contenta di nutrirmi col corpo e il sangue di Cristo. Quest’anno nel mese di novembre farò anche la cresima. Ho 15 anni sto studiando e frequento il primo anno delle superiori e vorrei proseguire negli studi per diventare qualcuno nella vita sebbene mi costa molto ma con l’aiuto di Dio a cui chiedo che mi dia la forza e la fiducia per andare avanti affinchè i miei nonni si convincano che con i loro sforzi e con l’aiuto di Dio si possono diplomare non solo i maschi ma anche io per diventare qualcuno nella vita. Chissà che questo sogno diventi realtà. Continua a leggere »


notizie fresche fresche dalla missione in Petèn

Postato il

Un po’ di notizie delle nostre attività per farvi compagnia durante le vacanze.

In questi giorni sono venuti a trovarci un gruppo di volontari spagnoli di Aranjuez, capitanati da un sacerdote salesiano Don Paolo Labrado. Sono stati con noi ed hanno condiviso con noi ogni momento, dalla preghiera, ai pasti, al servizio ai poveri. La nostra comunità come sempre si allarga e fa posto a tutti coloro che vogliono condividere un po’ in clima di famiglia. Principalmente hanno organizzato attività con i ragazzi.

Devo dire che la loro presenza è stato un grande dono per la nostra comunità e personalmente mi ha permesso di poter fare quello che più mi piace… cioè stare in mezzo ai ragazzi. Dovendo occuparmi di tante cose materiali e dovendo organizzare tante cose, a volte non hai il tempo per poter seguire le persone come vorresti, mentre in questi giorni ho potuto farlo con la calma necessaria, anche grazie alla loro preziosissima mano. Spero presto di potervi mandare una testimonianza loro…

Quello che posso dirvi è che davvero pensavo di come stare con i giovani sia il miglior toccasana per la propria vocazione. Sopratutto qui, dove la scommessa grande sono loro… dove loro sono l’unica speranza i cambiare le cose, perchè se loro prendono in mano la loro vita e decidono di scommetterla in qualcosa di grande allora si è possibile che le cose cambino… e che ci sia un futuro per questo paese. Continua a leggere »


Resoconto Attività

Postato il

Un po’ di notizie delle nostre attività di questo mese

Pastorale della salute

In questo mese è stata con noi Emanuela Olmetto, una ragazza del Movimento Giovanile Salesiano, laureata in medicina, che ha voluto passare un mese con noi. È stato un dono davvero prezioso. Si è prodigata nella nostra clinica e nei villaggi circostanti per svolgere la sua professione di medico. Nelle altre mail ho mandato le sue testimonianze della sue esperienza.

La sua presenza è stato davvero un regalo per la nostra comunità. Non solo per la sua professione che è stata apprezzata da tanti (si erano già organizzati per rapirla e farla rimanere qui…), ma anche per il suo squisito stile salesiano di fare le cose tanto necessario qui. Ha lavorato davvero tantissimo e senza sosta.

Una cosa bella è stato il fatto che lei abbia parlato alle varie ragazze della parrocchia sopra l’importanza di farsi l’esame del tumore al seno e all’utero (diciamo che le ha fatto terrorismo psicologico vero e proprio). Risultato che siamo riusciti a convincere ben 56 ragazze a farsi l’esame. È un risultato storico e senza precedenti più del triplo delle volte passate, perché qui si ha paura a farsi il test (raccontava Emanuela che molte tremavano prima di farselo). Ha visitato i vari villaggi di cui ci occupiamo facendo visite soprattutto ai bambini. Ha collaborato ad una giornata di fluorizzazione per insegnare ai bambini a lavarsi i denti. Continua a leggere »


si dice che le vie del Signore sono infinite… a volte fa proprio le cose più strane

Postato il

284612_4558577888462_767584492_nCari amici,

Questa volta mando due mail perché sono tante le cose che ho da dirvi… nella prima vi racconto un po’ quello che sto vivendo e nella seconda quello che sto facendo…

Il 29 di Giugno ho compiuto sei anni di ordinazione sacerdotale… ed il Signore ha pensato di farmi un regalo davvero speciale. Il giorno prima, all’ora di pranzo mentre stavamo ancora tutti a tavola suona il campanello. Vado io ad aprire la porta e si presenta una signora che chiede di accompagnarla a casa sua perché le stava morendo la zia.

Avverto gli altri che sarei andato io. I casi strani della vita, l’unico pomeriggio in cui non avevo molto da fare (capita raramente e ultimamente anche meno). Per cui salgo sulla macchina e ci dirigiamo alla casa della signora. Arrivo lì. La gente gridando, piangendo, altri pregando. Io mi avvicino, saluto con cortesia. Dico che avremmo avuto un momento di preghiera per chiedere la guarigione del malato e per invocare la misericordia di Dio, se avesse voluto portarsela in cielo con lui. Termino la celebrazione e come mia consuetudine, chiedo informazioni sulla persona, mi dicono che ha 46 anni e tre figlie femmine. Il marito l’ha abbandonata. Domanda da quanto stesse così e mi dicono che dieci giorni prima era stata in ospedale e l’avevano dimessa dandogli dei medicamenti da prendere e dato che non avevano i soldi per pagarli non se li era presi. Poi aggiungono che il giorno prima sul far della sera aveva cominciato ad avere dolori al braccio, come crampi prima alla mano e poi al braccio. La mattina aveva smesso di parlare. Continua a leggere »


Terza settimana della nostra volontaria

Postato il

10464392_808824412476224_3465119757932331183_nil tempo vola e già sono arrivata a metà della mia esperienza qui nel Peten, esperienza che giorno dopo giorno mi sta regalando emozioni sempre piu’ grandi. Proprio ieri ho vissuto una bellissima giornata e voglio condividerla con voi. Padre Shiju (qui i sacerdoti si chiamano padre e non don), uno dei 3 salesiani missionari che vivono a San Benito, mi ha proposto di partecipare al ritiro dei ragazzi che si stanno preparando a ricevere il sacramento della confermazione. Il ritiro si è svolto in una spiaggia vicino a San Benito chiamata Playa San Jorge, un posto davvero meraviglioso, e ben 64 ragazzi con un’età compresa tra i 14 e i 18 anni vi hanno partecipato. La prima cosa che mi ha colpito è stata l’orario. Il ritrovo era fissato alle 6 della mattina. Mi ha colpito perché se in Italia un animatore o un sacerdote provasse a proporre un orario simile rischierebbe il linciaggio come minimo. Ad animare il ritiro c’erano 2 post novizi salesiani Brandon e Carlos che stanno passando le loro vacanze qui a San Benito. Che dire? Per un giorno mi è sembrato di stare in Italia. Tutto è stato curato in perfetto stile salesiano. Il clima che si è venuto a creare e’ stato quello tipico di una famiglia salesiana, un clima di festa, di gioia e di totale accoglienza. La giornata è trascorsa in allegria tra giochi, bans, catechesi animata, canti e scenette. I ragazzi, come loro stessi hanno condiviso alla fine del ritiro, hanno vissuto un’esperienza bellissima,  si sono divertiti e allo stesso tempo si sono sentiti amati. C’erano ragazzi appartenenti a tutte le classi sociali,  da quella medio benestante a quella poverissima. Un ragazzo in particolare non voleva venire perché i genitori non potevano pagare la quota e padre Shiju gli ha detto che se il problema erano i soldi allora non c’era il problema. È esattamente la stessa cosa che molti salesiani dicono anche in Italia quando un animatore dell’oratorio non può pagarsi il campo estivo. Questa giornata  mi ha fatto ancora una volta innamorare di più di don Bosco. Se don Bosco non avesse mandato i suoi salesiani in missione tutti questi giovani non avrebbero potuto vivere la bellissima esperienza che hanno vissuto. I salesiani gli hanno parlato dell’importanza di dare frutti buoni, di avere dei sogni, di rispettare la propria vita e il proprio corpo, cose che possono sembrare ovvie ma che in questa parte del mondo nessuno conosce. I giovani spesso non hanno prospettive e non sanno scegliere tra cosa è bene e cosa è male. Si sposano ancora adolescenti e pochi terminano gli studi. In pratica sono costretti a diventare adulti quando ancora meriterebbero di vivere la loro adolescenza. Questo perché i genitori sono spesso poverissimi e hanno troppi figli per poter prendersi cura di ciascuno. Avere qualcuno che si prende cura di loro, che gli mostra un altro tipo di vita con valori e ideali differenti come quelli proposti dal cristianesimo è fondamentale! E questo è proprio ciò che i salesiani qui tra mille difficoltà stanno cercando di fare. È un lavoro duro e richiede pazienza e tanto coraggio ma devo ammettere da quello che ho visto che  gli riesce proprio bene!  Continua a leggere »


Notizie nuove dalla clinica…

Postato il

Emanuela continua a raccontarci della sua esperienza come medico nella clinica… buona lettura a tutti e un abbraccio don Giampy

10384747_808811912477474_3164888697591002462_normai una settimana è passata dalla mia ultima lettera e sento il bisogno di condividere con voi l’esperienza forte che qui sto vivendo. Quando sono partita sapevo che mi sarei dovuta confrontare con una cultura diversa dalla mia, costruita su valori e costumi differenti da quelli “occidentali”, tuttavia un conto è immaginarlo o sentirlo raccontare, tutt’altra storia viverlo. Vivere con queste persone mi sta mettendo a dura prova, facendomi sperimentare emozioni forti e spesso contrastanti. In questo paese la scala di valori e’ molto differente dalla nostra e credetemi se vi dico che sto facendo davvero una grande fatica a cercare di capire il perché di certi comportamenti che qui sono considerati normali. Voglio iniziare però il mio racconto dalle cose positive. Un grande valore che sto riscoprendo qui e che in Italia credo abbiamo un po’ perso è quello dell’accoglienza. Qui accogliere non è solo dare ospitalità ma farsi carico di tutti i problemi e di tutte le esigenze che la persona presenta. Non è semplice da capire e all’inizio anch’io ho fatto un po’ di fatica. A San Benito don Giampiero mi ha fatto ospitare da una famiglia della parrocchia, una coppia con 2 bimbi bellissimi di 13 e 11 anni. Loro non solo mi ospitano, mi puliscono ogni giorno la camera, mi lavano i vestiti, mi preparano pranzo cena e colazione, mi accompagnano ovunque io necessiti di andare e a qualunque ora. Mi hanno pagato l’ingresso a Tikal, l’antica città dei Maya, pagandomi una guida personale in italiano e l’ingresso al cinema del paese. I miei dall’Italia mi hanno sgridato perché in effetti sembra un po’una approfittazione. Così ho preso coraggio e sono andata a parlare col papà per dirgli che non c’era bisogno di tutta questa premura. Lui mi ha guardata un po’ perplesso e mi ha detto: ” Ema tu sei venuta qui a prestare un servizio ai poveri del mio paese, quello che io faccio è per me un piccolo modo per poter partecipare al tuo servizio. Anch’io prendendomi cura di te posso essere d’aiuto ai più poveri.” Ecco queste parole mi hanno aperto il cuore e mi hanno fatto capire, capire di non essere sola. Si, forse dall’Italia sono partita sola ma qui il Signore mi ha messo vicino delle persone meravigliose che stanno partecipando con me alla mia missione e che mi aiutano come solo un papà e una mamma possono fare.
Continua a leggere »


Testimonianza di Emanuela

Postato il
10308565_808807769144555_8425121302140571686_nLa nostra famiglia si allarga sempre di più… in questi giorni abbiamo la fortuna di avere tra noi Emanuela Olmetto, una ragazza del movimento giovanile salesiano, laureata in medicina, che viene a stare con noi per un mesetto… spero sia la prima di una lunga serie di persone che vengano a condividere la nostra vita…
C’è una cosa che mi ha colpito parlando in questi giorni con lei… ad un certo punto mi ha chiesto se non mi demoralizzamo e se mi sentissi impotente difronte a tutto quello che lei vedeva… non ci avevo mai riflettuto, non ci avevo mai pensato. No, mi sento tutt’altro che impotente, io salvo tutti i giorni vite umane.

Vi allego i suoi primi pensieri dopo una settimana di permanenza con noi Continua a leggere »


Una candela un po’ più grande del solito

Postato il

 

Il bello delle celebrazioni tra la gente povera è la possibilità di riscoprire l’essenza della Liturgia e di poterla apprezzare nel senso profondo che ha. Il Sabato Santo ho celebrato la notte della vigilia in un villaggio, quello della Cobanerita, che mi attendeva trepidante, perchè da quando il parroco si stà occupando del villaggio, come dicono loro li ho un pò abbandonati… Per me è sempre una gioia condividere l’Eucaristia con loro.  

Mentre andavamo in processione con il cero pasquale dal luogo del falò alla Chiesa, si avvicina un ragazzino, avrà avuto un cinque o sei anni al massimo e mi chede: “Padre dove ha comprato una candela così grande, e quanto l’ha pagata? Deve esserle costata davvero tanto“. 

Io lì per lì ho ridacchiato un pò, in fondo aveva ragione… era solo una candela un po’ più grande… poi ho approfittato a partire dalla candela, che loro hanno nelle loro case come unica illuminazione per spiegargli che oggi facevamo una festa grande alla Persona che ha portato la luce nel mondo e che quel candelone (spero di non essere troppo dissacrante) che stavo portando lo rappresentava per tutti noi. Era la prima volta che si celebrava la Pasqua nel villaggio chissà che altro avrà pensato di quello che stavamo facendo. Suggestivo è stato il momento in cui la gente è entrata nella chiesetta, e ha deposto sotto l’altare le proprie candele (vedi foto) io ci ho visto il loro impegno a far brillare la luce di Cristo nella loro vita e nel mondo. Continua a leggere »


Un abbraccio che vale molto più di mille parole

Postato il

221820_538885156136819_1327415228_nCi sono gesti che fanno bene al cuore. Il primo gennaio, la comunità del villaggio della Cobanerita, mi chiede di celebrargli la messa alle 7 della sera. Devo dire che il mio primo pensiero è stato: “Rifiuto. È troppo tardi e le vie che conducono al villaggio sono abbastanza pericolose, per non parlare del fatto che il cellulare lì non prende per cui se mi succede qualcosa, chi mi va a ritrovare”. Però la mia incoscienza ed il desiderio di accontentarli hanno preso il sopravvento, ed alla fine ho deciso di andare lo stesso. Le vie di notte non sono molto sicure e comunque a quell’ora è davvero un azzardo, ma confido nella Provvidenza.

Il viaggio di notte, non è cominciato proprio bene. Lungo la strada ho trovato una persona ammazzata (Una macchina aveva investito un ragazzo che andava in moto, e che purtroppo è anche il figlio di una nostra catechista, e se ne era andata, lasciandolo li morente). La polizia prima di permettere di passare alle auto, ci ha fatto aspettare più di un’ora. L’oscurità, inoltre, non ha facilitato il trovare la strada giusta.

Arrivato lì, mi sono scusato per il ritardo, e ho spiegato le motivazioni. Ho celebrato l’Eucaristia con la gente. Alla fine della messa, il responsabile della cappella, ha chiesto a tutti di darmi un abbraccio, come augurio per l’anno a venire e per ringraziarmi di tutto quello che avevo fatto durante l’anno. Così si sono messi tutti in fila come per fare la comunione per abbracciarmi. Il gesto mi ha fatto pensare che, se prima avevano fatto la comunione con il Signore ora la stavano facendo con il loro sacerdote e che erano felici di averlo con loro. Chissà se anche nelle nostre chiese in Europa si possa fare lo stesso… Sono convinto che anche nell’altre parte del mondo certi gesti sarebbero apprezzati… Continua a leggere »


Ritornando in Guatemala

Postato il

Cari amici,

è passato quasi un mese da quando ci siamo salutati ed il ricordo è ancora vivo e forte in me. Tornando, mi aspettatva un bel po’ di lavoro arretrato… Le attività si sono succedute ad un ritmo impressionante ed ora che ho un attimo di tempo approfitto per farvi i miei auguri di Natale raccontantovi come ci si prepara qui al Natale.

1512641_698665983492068_397657099_nAppena arrivato abbiamo fatto un ritiro con la cooperativa di artigiani della nostra parrocchia.Costruiscono utensili vari in legno… Quest’anno siamo riusciti con le varie vendite che hanno fatto (soprattutto negli stati uniti) a raccimolare quasi 14000 quetzal per ogni famiglia. Non è neanche il soldo minimo, ma unito con il lavoro in campagna e qualche altro lavoretto che sono riusciti a trovare qua e la siamo riusciti a far vivere decentemente circa una trentina di famiglie. Il regalo di Natale più bello per la nostra parrocchia.

Il ritiro è durato due giorni. Sono state giornate abbastanza piene, la prima in cui hanno fatto un esame del lavoro di tutto l’anno, mentre il giorno seguente è stato più ritiro spirituale, culminato con l’Eucaristia. Io gli ho ricordato, che fanno lo stesso lavoro di San Giuseppe e che devono invocarlo come protettore. Loro si sono sentiti davvero orgogliosi di questo, e non finivano di ripeterlo terminata la messa. Davvero basta poco, per fargli sentire che valgono davvero tanto…

Abbiamo terminato con il pranzo e lo scambio di auguri ed a ogni famiglia si è regalato un cesto di Natale. Continua a leggere »


Ritorno a peten

Postato il

presepe-storia1Carissimi amici,

mi ero ripromesso di scrivere, prima di partire, due righe per ringraziare tutti, ma non ci sono riuscito. Ci ho riprovato quando sono arrivato in Guatemala, ma non ci sono riuscito ugualmente… così vi scrivo nella prima Domenica di Avvento, occasione per condividere le tante emozioni che mi porto nel cuore dopo il ritorno in Italia. Vi scrivo con il cuore in gola, per  le giornate passate insieme, anche se molto di corsa… Vi ringrazio, per l’affetto che mi avete dimostrato e mi scuso con tutti quelli a cui non ho potuto (per ragioni del poco tempo di cui disponevo) dare il tempo necessario. I giorni sono davvero volati.

Vi faccio una confidenza: devo ammettere che questa volta la partenza è stata un po’ più dura. La prima volta che sono partito, chiaramente c’era l’entusiasmo del nuovo, che attutiva la sofferenza per il distacco, con tutte le persone con cui sono cresciuto. La prima volta che partii, mi dicevo dentro di me. Signore, stavolta ho davvero lasciato tutto per te. Cambio nazione, continente, vado in un paese che non conosco per niente, né nella lingua e né nei costumi, lascio i miei parenti e i miei amici, ma mi voglio fidare come sempre di te. Questa volta parto sapendo quello a cui vado incontro. Due anni fa, c’era un po’ di incoscienza… Ma come ben sapete i due anni che ho vissuto in centro America, sono stati bellissimi. Del resto Dio non delude mai e sono convinti che anche i prossimi due saranno fantastici. Mentre stavo sull’aereo ho ripensato ad una canzone un po’ vecchia: “Esci dalla tua terra”. La strofa fa: Abramo non andare, non partire, non lasciare la tua casa, cosa speri di trovar? La strada è sempre quella, ma la gente è differente, ti è nemica, dove speri di arrivar? Quello che lasci tu lo conosci, il tuo Signore cosa ti dà? Un popolo, la terra, la promessa. Parola di Jahvè” Cioè tutto quello che ti serve…e la felicità. Continua a leggere »


Intervista all’animazione missionaria dell’ICC

Postato il

Si trova in Italia Don Giampiero De Nardi, cresciuto salesianamente nella nostra Circoscrizione e attualmente missionario a San Benito Peten in Guatemala. Volentieri ha rilasciato una intervista, così da condividere con noi la sua esperienza.

Innanzi tutto racconta qualcosa sul contesto nel quale ti trovi a vivere.

La regione in cui opera la parrocchia è rimasta molto abbandonata, la maggior parte della regione è priva di strade di comunicazione praticabili. I giovani e non giovani conoscono il grande esodo verso la capitale per accedere agli studi superiori e all’università e/o in cerca di lavoro. Molti scappano per gli Stati Uniti in cerca di fortuna, rischiando la vita nella traversata o di essere presi dalla polizia e rimandati in patria. I poveri hanno poco accesso ai servizi di base come igiene, sanità, acqua, elettricità, e scuole che preparino professionalmente. L’alimentazione è molto povera e poco variegata (fondamentalmente riso, faggioli e tortillas di mais), ma non tutti hanno il sufficiente. La gente vive perlopiù di commercio e di agricoltura, ma fatta in forma molto rudimentale.

Il traffico di droga sta crescendo esponenzialmente e ha raggiunto livelli preoccupanti. Esistono zone della regione completamente in mano ai narcotrafficanti.

Un problema che è al tempo stesso una risposta alla povertà è l’emigrazione verso gli Stati Uniti. Questo fenomeno è complesso e influenza la realtà familiare e sociale, perché porta le persone alla separazione temporanea o permanente dai propri cari, il contatto con altre esperienze culturali, con i nuovi valori e stili di vita. Non poche volte chi va a vivere negli Stati Uniti, si crea un’altra famiglia, creando disintegrazione nella famiglia di origine. Petén è, anche un importante, nodo di transito di molti migranti provenienti da tutto il Centro America.

Continua a leggere »


Ritorno a casa

Postato il

Sono già passati due anni, e così posso ritornare in Italia.

Da un lato non vedo l’ora di poter riabbracciare i tanti amici che mi stanno accompagnando con la preghiera, con la squisita amicizia e con aiuti economici (che come dire sempre più che utili), dall’altro risuonano in me le parole di una delle madri che accompagniamo con la pastorale della donna :«padre ora te ne vai e chi si occuperà di noi?».

Non che senza di me, le cose non continuino, però in un paese in cui la guerra civile ha fatto stragi, ed ha distrutto i tessuti familiari, le relazioni e qualsiasi punto fermo, avere semplicemente una persona che ti saluta e ti sorride, è un bene prezioso. «Padre, con te abbiamo confidenza» mi ripetono spesso, ed è duro guadagnarsi la confidenza (non sembra di stare in un paese latino americano). Lo vedi anche nei bambini che quando arrivo, si illuminano e iniziano a sorridere. Giochiamo ad acchiapparella, e sono felicissimi, ma all’inizio neanche mi salutavano. Ora al momento della pace, vengono tutti sull’altare e mi vengono a dare la pace e mi dicono le mamme che quando non vengo io a celebrare messa e viene un altro sacerdote, sono tristi perché non sono venuto io. Non credevo che la guerra potesse segnare così indelebilmente il cuore di un bambino.

Li lascio per un po’, anche perché ho bisogno di staccare la spina, riposarmi, perché la missione ti risucchia, ma non vedo l’ora di tornare da loro.


Dalla poesia alla vita concreta

Postato il

Ci sono versetti della Bibbia, che ti rimangono impressi più di altri, ci sono alcuni passi del Vangelo che sono pura poesia: “Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi” (Mt. 25,35-36).

Come cristiano non so se posso dire di aver vissuto concretamente nella mia vita questo passo del Vangelo, anzi onestamente devo dir che l’ho vissuto molto poco. Come sempre ci pensa il Signore e il luogo in cui mi ha mandato a convertire il mio cuore e ad aprirlo al suo messaggio così mi mette davanti le situazioni concrete dove praticarlo… e la poesia del Vangelo si trasforma in persone concrete e purtroppo (o per fortuna per me) in dure lezioni di vita.

Ero malato e mi avete visitato

Un gruppo della parrocchia tutti i martedì, i giovedì e i sabato alle nove della notte va nell’ospedale comunale e distribuisce gratuitamente alla gente che rimane a fare la notte ai malati, caffè, un dolcetto, o una bevanda a base di latte caldo e mais (Atol). I bambini del reparto di pediatria non vedono l’ora che arriviamo, loro sono gli unici che possono bere il l’Atol e mangiare il dolcetto, gli altri malati sono sotto regime di dieta. Continua a leggere »


Un gesto che vale più di mille parole

Postato il

992835_617652661593401_1679837602_nIn questi giorni ho preparato il rendiconto economico della parrocchia degli ultimi tre mesi. Un po’ per sensibilizzare la gente alle spese vive della parrocchia che purtroppo sono ancora più delle entrate ed un po’ per dare un segnale di trasparenza. Ho così consegnato una busta da lettera con dentro il rendiconto ed una piccola lettera che invitava a riconsegnare la busta con dentro un’offerta.

L’altro giorno, durante una delle riunioni con la pastorale della donna, mi si avvicina una di loro (mamma, di tre figli, abbandonata dal marito, che vende cibo per la strada. La parrocchia la aiuta con una borsa di studio per uno dei figli, per permettergli di mandarlo a scuola), e mi consegna la busta con l’offerta anche lei. La mia prima reazione è stata quella di non accettarla, pensando che di quei soldi aveva più bisogno lei, ma lei mi ha guardato dritto negli occhi e mi ha detto :« Padre, questi sono i risparmi che ho racimolato questo mese, per poter anche io contribuire alla parrocchia. La parrocchia mi ha sempre aiutato e non solo economicamente, mi ha insegnato a credere in me stessa, quando credevo che la mia vita non valesse più nulla, a lottare per i miei figli e per la mia famiglia, è stata per me, la mia unica famiglia e in una famiglia si collabora, con quello che uno può. Non disprezzi il mio sforzo». Avrei voluto piangere. I poveri mi sanno sempre sorprendere.

La sera ho aperto la busta e ci ho trovato 50 quetzal (5 Euro circa, ma in pratica come se fossero 50 Euro). I poveri sanno sempre essere generosi emi è venuto in mente il gesto della vedova del vangelo, che getta nel tesoro del tempio due spiccioli, e Gesù la cita come esempio immortalandone per i secoli il gesto, facendo vedere ai discepoli, che lei aveva messo di più di tutti perché aveva messo quello che gli serviva per vivere. Continua a leggere »


dammi il cinque

Postato il

407628_2891983424642_913453657_nCari amici,
Torno da poco da una settimana di formazione in Costa Rica. Oggi compio cinque anni di sacerdozio. Un grande dono di Dio, del quale non smetto mai di ringraziare e che mi è stato affidato, nonostante la mia piccolezza, le mie debolezze e le mie infedeltà quotidiane.
Ancora è molto forte in me il ricordo di quel giorno. Nella Chiesa di Santa Maria della Speranza, con un calore insopportabile, visto l’orario della messa e visto il giorno dell’anno e soprattutto vista la poca areazione della Chiesa, un giorno caldo soprattutto quello che stavo vivendo dentro. I ricordi si ammucchiavano nella mia testa e quasi non mi lasciavano spazio ai pensieri e esplodevano in lacrime di gioia, che praticamente mi hanno solcato il viso per tutta la celebrazione. Avevo promesso di non piangere, ma rientra tra quelle poche promesse che non sono riuscito a mantenere nella vita.
Un giorno atteso e preparato per anni, con accanto tutti i miei amici, dai quali sono stato accompagnato per le diverse tappe della mia preparazione sacerdotale, con le quali ho condiviso, le mie gioie, i miei dolori, i miei affanni, e dalle quali ho ricevuto molto di quello che oggi sono. Continua a leggere »


Mese di Maggio

Postato il

ImmagineUn “caloroso” saluto da San Benito. So che in Italia ancora non è arrivata la primavera… qui in cambio la temperatura è fissa ai 40 gradi. Stiamo aspettando la stagione delle piogge!!! Nel frattempo le attività si susseguono a ritmo vertiginoso.
Il 12 Maggio abbiamo fatto il ritiro per i ragazzi che si preparano per la cresima. Sono “appena” 79 e molti di loro già stanno cominciando a impegnarsi concretamente nella parrocchia (molti di loro sono già animatori dell’oratorio).
Il 19 maggio, giorno di Pentecoste, abbiamo festeggiato in maniera solenne la nascita della Chiesa, con una grandissima festa, che ha coinvolto tutti i fedeli della parrocchia. Abbiamo cominciato con una camminata, diciamo una processione, dall’ospedale della città.
Arrivati alla parrocchia, abbiamo celebrato la messa e finita la celebrazione i vari quartieri hanno presentato un numero (chi un ballo folklorico, chi un canto, chi una piccola scena teatrale).
Terminato lo spettacolo, c’è stata una piccola lotteria e a seguire il pranzo in parte offerto dalla parrocchia ed in parte offerto dalla gente. Continua a leggere »


alcune riflessioni a partire dal papa

Postato il

papa-francesco_h_partbLeggevo un articolo del corriere della sera sull’incontro del papa con i seminaristi e i novizi di Roma. Il suo predicare (e non solo con la parola, ma soprattutto con i fatti) l’essenzialità e la radicalità evangelica è senza dubbio un gran dono per la Chiesa. L’articolo riportava vari elementi che mi hanno fatto pensare. Ma quello sulla povertà dei mezzi ha acceso in me grandi emozioni. Un papa che non ha paura di denunciare le strutture vecchie e inadeguate della Chiesa (che non ha paura di fare cambi nello IOR), che invoca il cambiamento. Sentir dire al papa: «A me fa male quando vedo una suora o un prete con la macchina ultimo modello. Non si può andare con auto costose. La macchina – ha spiegato – è necessaria per fare tanto lavoro, ma prendetene una umile. Se ne volete una bella pensate ai bambini che muoiono di fame».

Il gusto dell’essenziale e della povertà evangelica era un desiderio che avevo molto forte in Italia, e che molto spesso è stato disatteso o da alcuni confratelli totalmente incompreso. Molti confratelli l’hanno spesso mal interpretato, a volte facendomi quasi credere che fossi sbagliato. L’arrivare in terra di missione, mi ha permesso di vivere e realizzare questo desiderio. Gli stessi vescovi sono un esempio di sobrietà nel vestire e in quello che possiedono, non è una prerogativa solo del papa. In questa parte del mondo il contatto con la miseria della gente, ha fatto in modo che i sacerdoti e i vescovi non cadessero in un borghesismo molto lontano dall’ideale evangelico.

Per il resto. La vita in Peten procede, come procede l’attività oratoriana. Sono una trentina i ragazzi che ora frequentano stabilmente l’oratorio la domenica, mentre almeno altrettanti vengono non costantemente (una domenica si e una no…). Ad Agosto parte il primo campionato. Non sono molti, ma visto che il quartiere è tra i più violenti, è già molto che le mamme gli permettano di venire… per me è già una gran conquista.

Con una donazione che mi è stata fatta per i bambini dei villaggi ho potuto comprare alcuni giocattoli per la festa patronale del villaggio. È stato bello vedere gli occhioni felici di tanti bambini che davvero con poco possono essere felici, che si accontentano con poco.

Infine, sono stato alla prima riunione di pastorale della donna… Diciamo la versione cristiana del movimento femminista… La Chiesa del Petén cerca di accompagnare le donne (soprattutto le madri abbandonate) a riscoprire la loro dignità, i loro diritti e il loro valore. È un lavoro lungo, soprattutto psicologico, ma anche di formazione personale. Le si insegnano vari lavori manuali con i quali possono produrre varie cose per poi rivenderle. Attualmente nella parrocchia sono più di 200 mamme che seguo in vari gruppi. Abbiamo una riunione mensile, dove facciamo un po’ di formazione personale e a seguire le si insegna alcuni lavori di artigianato o di cucina… mi sono impegnato ad insegnarle a fare pizza… La cosa di cui più ringraziano è di averle fatte riscoprire il loro valore come persona, di poter parlare liberamente in pubblico. Per me erano cose molto scontate, ma qui siamo indietro di molti anni…

Vi mando un abbraccio di cuore.

Don Giampy


Il nostro primo Oratorio!!!

Postato il

179726_606152776076723_610665040_nIn questi giorni sono successe diverse cose belle che condivido con tutti voi. La più bella tra tutte, è senz’altro l’apertura dell’oratorio. Finalmente, la nostra parrocchia ha un suo oratorio. Un primo sogno che si realizza: possiamo finalmente offrire uno spazio di crescita e di condivisione ai giovani e ai bambini della parrocchia. Per ora l’oratorio è solo domenicale e solo per tre ore, perché non possiamo permetterci di più, non avendo animatori ed essendo io impegnato in molte attività, però intanto diamo un segnale forte di attenzione ai più piccoli, che di solito sono sempre i più dimenticati. Abbiamo aperto l’oratorio nel quartiere di Vista Hermosa, uno tra i più poveri e come al solito più violenti della parrocchia, il sogno è di aprirlo in tutte le cappelle della parrocchia (ci sono altre zone che lo necessitano, però sono troppo pericolose). È un oratorio un po’ particolare…. ogni bambino potrà scegliere cosa fare: se ricevere recupero scolastico (spagnolo, matematica e scienza… più avanti speriamo di poter dare anche inglese… ma già se sapessero parlare lo spagnolo non sarebbe male) o entrare nel piccolo gruppo di danza folklorica o di giocare a calcio o apprendere a cantare o a suonare uno strumento musicale. Nell’oratorio vogliamo creare uno spazio organizzato in cui rispondere davvero ai bisogni dei ragazzi del territorio, che soprattutto lamentano di preparazione scolastica, ma anche di diversione.
Domenica 7 di Aprile alle 2 del pomeriggio ci siamo radunati con gli animatori (un po’ alle prime armi, ma molto volenterosi) e con una quarantina di bambini per dare il via ai giochi organizzati, che si sono protratti fino alle cinque, abbiamo concluso la giornata con la buonanotte e con un Ave Maria… si dice che don Bosco abbia iniziato tutto con essa, tutta la sua opera, mi sembrava giusto fare lo stesso. Essendo il giorno di apertura ufficiale, è stata principalmente una festa. Sinceramente, non mi aspettavo che venissero tanti bambini per essere la prima volta, ed in una zona in cui i bambini fanno difficoltà a muoversi da soli o a radunarsi, inoltre i guatemaltechi sono diffidenti per natura. Vi posso assicurare che vedere i volti di quei bambini sorridere, facendo cose molto semplici (corse con i sacchi o staffette) mi ha riempito il cuore. Continua a leggere »


Quaresima e digiuno … riflessioni dalla missione

Postato il

1959665_10203463507014302_716641908_nParlare di digiuno in Quaresima ha tutto un altro effetto, quando chi ti circonda, lo fa tutti i giorni e non per sua volontà, parlare di astinenza dalla carne, a chi la carne la mangia, se va bene, una volta al mese, è qualcosa di realmente imbarazzante, almeno personalmente. Approfitto per condividere le riflessioni che mi sono scaturite dal cuore, in questi giorni, mentre anche io praticavo il mio di digiuno.

Il digiuno può essere un lusso per chi se lo può permettere. Milioni di persone, lo praticano ogni giorno, e senza desiderarlo, senza volerlo, solo per aver avuto la sfortuna di essere nate in una zona del mondo nella quale la miseria e la fame fanno da padrone. Gesù avverte che la pratica del digiuno è vuota e può facilmente divenire una sorta di sforzo personale, mentre ci chiede di sentirci solidali con i nostri fratelli, di crescere nella misericordia. Il vero digiuno è quello che mi porta a sentirmi partecipe della vita di chi è più sfortunato di me.

Quando ero in Italia mi capitava spesso di ascoltare molti sacerdoti che invitavano a sostituire il digiuno fisico, con il digiunare dalle cose che più ci piacciono, così da purificarci da esse. Oggi non mi sento di condividere più questa visione. Oggi, penso che sia importante digiunare, e farlo sul serio, almeno una volta all’anno, mangiare un solo pasto, per provare sulla propria pelle quello che provano ogni giorno milioni di miei fratelli in tutto il mondo. Continua a leggere »


Piccole lezioni di vita

Postato il

734662_538883446136990_335130694_nCi sono alcune cose alle quali uno non si abitua mai, e ci sono cose dalle quali riceve sempre insegnamenti per la vita. Una di queste per me, è il contatto con i poveri, che ogni giorno mi danno concrete lezioni di vita. Domenica scorsa sono stato a celebrare nel villaggio chiamato Belen (Betlemme). È il villaggio più piccolo e più povero, ci vivono solo contadini. La comunità anche è molto piccola, pochi sono i cristiani cattolici, in balia della moltitudine di sette pseudo-evangeliche, che gli rubano solo i soldi.

Terminata la messa, mi hanno accompagnato nella casa, del catechista della comunità (un po’ il responsabile dell’intera comunità cristiana) e mi ha offerto il pranzo. Il pranzo è consistito in un piatto di fagioli e “tortilla” di mais (la tortilla è una specie di focaccia di mais e si usa un po’ come da noi il pane). È bello vedere come i poveri sappiano condividere anche quel poco che non hanno… Quello che però più mi ha fatto sentire un verme, è che ero l’unico a mangiare i fagioli, loro si sono accontentati di magiare solo le “tortilla”. Al padre sempre gli si offre il meglio di quello che uno ha nella casa, è una forma di rispetto e soprattutto di cortesia per l’ospite, però, ti dà l’idea di cosa possano mangiare loro. Da quanto sono in missione sto cercando di evitare di “sfruttare” e di usufruire di quei privilegi che la gente mi da in quanto padre. Non rifiuto mai, perché sarebbe un’offesa per loro, ma cerco di non mettermi in condizione di approfittare e cerco di utilizzare la vita e le risorse di cui dispongo solo per i poveri, evitando di perdere tempo. Don Bosco diceva che fin l’ultimo respiro sarebbe stato dei suoi ragazzi, questo credo era il suo modo di vivere la povertà. Continua a leggere »


Buona festa di don Bosco anche se in ritardo

Postato il

downloadVi aggiorno sulle cose che sono capitate qui in Peten. Stiamo iniziando poco a poco l’attività. Abbiamo iniziato a celebrare un volta alla settimana in ognuna delle cappelle della parrocchia. La gente non può raggiungere il centro per via delle distanze e del fatto che non ha mezzi di locomozione. Due volte al mese vado a celebrare in ognuno dei tre villaggi che appartengono alla parrocchia.
Abbiamo festeggiato don Bosco con una novena di preparazione. Domenica 27 abbiamo invitato il vescovo a presiedere la messa, a seguire nella parrocchia con padre shiju i ragazzi hanno organizzato giochi per i bambini, mentre io sono andato a celebrare nei villaggi dove abbiamo proiettato il film di don Bosco. Ai ragazzi che hanno partecipato ai giochi abbiamo offerto il pranzo. Non sempre possono avere un pasto decente ed una volta all’anno (per don Bosco) si può fare. Il 31 di gennaio alle 5:00 di mattina abbiamo fatto la cantata a don Bosco, seguita da colazione a base di caffè e tamales
La sera abbiamo celebrato la messa solenne e sono venute molte persone, molte di più di quante immaginavamo, per fortuna che avevo fatto fare un paio di torte in più da distribuire alla gente.
La gente un po’ alla volta si sta affezionando a don bosco e alla comunità salesiana lo vediamo dalla generosità che manifestano, non hanno molto, però lo condividono volentieri con noi.
In questi giorni sto davvero facendo l’esperienza della Provvidenza del Signore. Mi arriva quello che necessito per pagare le bollette o le cose da comprare. Le torte e la bevanda che avevo promesso di distribuire alla gente il giorno del 31, si sono praticamente pagate da sole. Un sacco di persone che con piccole offerte 10, 20 quetzal (1, 2 Euro) hanno praticamente pagato il dolce mentre altre persone mi hanno regalato succhi e bevande da distribuire. È propri vero che i poveri condividono con molta più facilità di quanto si possa credere e che Dio non fa mancare nulla a chi lo serve.
Oggi ho la prima riunione per preparare il nascente oratorio, non ho ancora ne il terreno ne il luogo dove iniziare, ma don Bosco ha avuto lo stesso problema, per cui non mi preoccupo più di tanto
Un abbraccio a tutti e continuate a pregare per me e per la mia comunità
È disponibile il sito della parrocchia su facebook:

www.facebook.com/ParroquiaSanBenitodePalermo?ref=hl dove potete trovare le nostre avventure i nostri commenti e soprattutto le foto e i video delle nostre attività


DICHIARAZIONE DI GUERRA

Postato il

Dichiaro guerra agli egoisti del cuore,
che difendono a tutti i costi la loro felicità personale e non vedono lo stesso diritto in chi sta loro vicino
Dichiaro guerra ai maliziosi,
che vedono sempre un secondo e terzo fine nelle cose e nelle persone e fanno di tutto per scovare i difetti e gli errori degli altri.
Dichiaro guerra agli esperti di pessimismo,
che sanno sradicare immediatamente ogni piccolo germoglio di bene e di speranza con la facile visione negativa delle cose.
Dichiaro guerra ai super-convinti delle loro idee,
che si impongono e vogliono schiacciare coloro che sono invece sempre un po’ in ricerca e con sempre qualche domanda aperta…
Dichiaro guerra a coloro che se ne stanno beatamente in pace mentre qualcuno vicino non è in pace, mentre non c’è pace nella famiglia accanto, nella nazione vicina…
…e mentre dichiaro guerra mi accorgo che il primo nemico da combattere sta proprio vicino in me, dentro di me. La guerra sarà davvero dura e richiederà sofferenza, ma non posso tirarmi indietro e gettare le armi.
Da quando Gesù è apparso nella mangiatoia di Betlemme, è iniziata la guerra all’egoismo, alla freddezza di cuore, alla cattiveria…
E la fragilità umana del bambino-Dio deposto nella culla è l’arma migliore che è data anche a me.
Armiamoci dunque di umanità vera, e partiamo… la vittoria della pace è vicina! Felice Anno nuovo a tutti


Caro Bambino Gesù

Postato il

maria2Caro Bambino Gesù, ora che di nuovo nasci bambino sulla Terra,  ti voglio avvisare:

Non nascere in Europa:

ti metterebbero solo solo davanti alla Tv

riempiendoti di pop corn e merendine

e ti educherebbero a essere competitivo,

uomo di potere e di successo,

e a essere un «lupo» per altri bambini

semmai africani, latinoamericani o asiatici.

Non nascere nel Nord America:

ti insegnerebbero che sei superiore agli altri bambini,

che il tempo è denaro,

che tutto può essere ridotto a business, anche la natura,

che ogni uomo «ha un prezzo»

e tutti possono essere comprati e corrotti;

e ti eserciterebbero a sparar missili e a fare embarghi

che tolgono cibo e medicine ad altri bambini.

Non nascere in Africa:

ti capiterebbe di nascere con l’aids

e di morire di diarrea, ancora neonato

oppure di finire profugo in un Paese non tuo

per scappare a delle nuove stragi degli innocenti.

Non nascere nell’America Latina:

finiresti bambino di strada oppure ti sfrutterebbero

per tagliar canna da zucchero o raccogliere caffè e cacao

per i bambini del Nord del mondo

senza mai poter mangiare una sola tavoletta di cioccolato.

Non nascere in Asia:

ti metterebbero «a padrone» lavorando

quattordici ore al giorno

per tappeti oppure scarpe, palloni e giocattoli

da regalare… a Natale… ai bambini del Nord del mondo,

e tu andresti scalzo e giocheresti a calcio

con palloni di carta o pezza o peggio ancora

potresti nascere per essere sfruttato sessualmente.

Ma soprattutto non nascere di nuovo in Palestina:

alcuni ti metterebbero un fucile, altri una pietra in mano

e ti insegnerebbero a odiare i tuoi fratelli… di stesso Padre:

gli ebrei, i musulmani e i cristiani.

Caro Bambino Gesù, a pensarci bene

il Natale ci vieni a ricordare

che tu nasci continuamente in tutti questi posti

e che non possiamo starcene con le mani in mano … ci viene a ricordare

che le ingiustizie che ogni giorno si compiono in tutto il mondo

sono frutto di un cuore che non ti ha ancora incontrato

Allora vieni e torna a nascere ancora nei cuori di ognuno di noi

e fa che ci impegniamo per un mondo migliore

un modo in cui ogni bambino che nasce

possa realizzare il suo essere figlio di Dio!!!

Continua a leggere »