Uragano Earl… notizie positive dal Peten

Postato il

In questa ultima settimana siamo stati sotto l’allarme dell’uragano Earl. Un uragano formatosi vicino alle coste di Honduras e che si è diretto verso il Messico, passando per Belize (che ha subito i danni  più gravi) e successivamente per il nostro Petèn. Ieri 4 di Agosto è passato per la nostra zona.

Grazie a Dio i danni sono stati abbastanza limitati. Per quanto riguarda i danni prodotti dai forti venti (a 130 km all’ora) soprattutto alberi divelti, pali della luce caduti e qualche casa senza tetto. La nostra parrocchia ha subito solo danni superficiali, qualche lamiera si è schiodata, ma nulla di grave, anche le altre cappelline della nostra parrocchia non hanno subito danni.

I danni più grossi li ha creati l’acqua generando allagamenti in molti punti della città, i piccoli fiumiciattoli che passano per la città hanno rotto gli argini allagando varie abitazioni. Molti sono stati sfollati grazie alla collaborazioni dei pompieri e del municipio. Si sono formati cinque punti di raccolta per le famiglie. Continua a leggere »


Buona Pasqua di Resurrezione!!!

Postato il

L’altro giorno mi è capitato di leggere una storiella:

Un allievo di un rabbino chiede al suo maestro: «Maestro è venuto il messia o lo dobbiamo ancora attendere?»

Il maestro si affaccia alla finestra, guarda per alcuni secondi lo splendido paesaggio della città di Gerusalemme e poi gli risponde: «Dobbiamo ancora attendere. Fuori il mondo è ancora pieno di guerre, di sofferenza, se fosse venuto il Messia sarebbe già cessato il male da tempo»

In questi giorni di Quaresima, i sentimenti che si sono alternati nella mia mente, sono ben rappresentati da questa storiella. Si avvicina la Pasqua di Cristo. Festeggiamo la vittoria di Cristo sul male e attorno a me il male sembra fare da padrone. I morti ammazzati sono quotidianamente in aumento. L’altro giorno nel lago è stato trovato il corpo di una ragazzina (14 anni circa). La ragazza era stata precedentemente violentata e poi annegata nel lago. Varie persone si sono tolte la vita, perchè non potevano più andare avanti. Un ragazzo di 17 anni è stato freddato da due persone, che si erano confuse e lo hanno ammazzato al posto di un altro che passava sulla stessa strada. Potrei continuare l’elenco (o meglio dire il bollettino di guerra) per ore. Continua a leggere »


“Quando saprò di essere un buon prete”

Postato il

10603367_10204623827781596_2246435680380440448_nCarissimi amici,

leggendo l’ultimo libro di don Alfonso Alfano (il sacerdote che mi ha rivestito il giorno della mia ordinazione e a cui devo davvero molto), mi ha colpito l’introduzione nella quale racconta di una domanda fatta alla madre: “mamma quando saprò di essere un buon prete” e la madre gli risponde: ” quando eri piccolo tutti dicevano che somigliavi a me altri a tuo padre. Vuoi sapere quando sarai un buon prete? quando la gente dirà che assomigli a Gesù Cristo.

In questi giorni di quaresima, mi sta facendo riflettere il mistero de “l’abbassamento” del Signore, del farsi uno di noi… Mi ricordo che il giorno dell’ordinazione, quando andai a ringraziare tutta la gente, scesi dal presbiterio ed incominciai a parlare a braccio tra la gente. Mi ricordo che un sacerdote, a cui voglio molto bene, terminata la messa, mi rimproverò bonariamente, dicendomi che non dovevo scendere dal presbiterio… sapeva bene che quello era stato il gesto programmatico di quello che volevo fosse il mio sacerdozio. Il papa in questo suo primo anno di pontificato, ci sta invitado a fare come Cristo… a scendere dai nostri “presbiteri” e a fare quello che ha fatto Cristo, cioè servire. Mi sembra che anche il nuovo rettor maggiore dei salesiani abbia detto lo stesso nel suo primo discorso da rettor maggiore. Continua a leggere »


Questa è la vita che ho scelto. Mi è stato insegnato fin da piccolo a lavorare duro

Postato il

In questi giorni mi sono capitate diverse cose, alcune piacevoli ed alcune meno. Le attività si susseguono e devo ringraziare i miei genitori che in questi giorni che hanno condiviso con me, mi hanno dato una grandissima mano. Come al solito (come fanno tutte le mamme), mamma si preoccupa per la mole di lavoro che portiamo avanti come missionari, ma parafrasando il film su don Bosco della rai: “Questa è la vita che abbiamo scelto. ci è stato insegnato fin da piccoli a lavorare duro

Abbiamo finalmente iniziato il corso di alfabetizzazione per le donne dei quartieri poveri. Io dico che il Signore lo ha voluto. Mi stavo riuniendo con la pastorale della donna, e mi sono accorto che molte di loro non hanno voluto il libro dei canti perchè non sanno leggere. Io mi sono detto, come fanno queste donne poi ad aiutare i propri figli a fare i compiti a casa e così gli ho proposto di organizzare un corso di alfabetizzazione per loro. Erano un po’ restie, ma il Signore mi ha illuminato e gli ho detto “se sapete leggere, potreste leggere la Bibbia, non vi piacerebbe?” e allora alcune di loro si sono convinte. Tornando a casa, mi fermo per chiudere la Chiesa, ed incontro una catechista con il marito (il marito non viene mai a messa durante la settimana perchè lavora a quell’ora). Io gli racconto del mio progetto di organizzare un corso di alfabetizzazione e che ora devo trovare un maestro e lo sposo mi dice che faceva corsi di alfabetizzazione quando era giovane e che mi avrebbe aiutato. Il Signore me lo ha mandato. Continua a leggere »


Testimonianza di una mamma

Postato il

Questa volta cambiamo un po’… invece di raccontarvi quello che faccio io, vi riporto una lettera di mia mamma che racconta questi giorni che sta passando con me…

10392420_10204637822371452_2460458447322002355_n“mi faccio viva per comunicarvi le impressioni, le emozioni che sto provando e vivendo accanto a Giampy in questa situazione nuova per me ma non del tutto estranea vista la mia precedente esperienza in Ecuador . La prima immagine che mi viene in mente in questo momento è la foto di don Bosco che ho sulla mia scrivania in Italia, è un don Bosco sorridente e contemporaneamente rassicurante, la stessa che circola in questa casa qui al Peten laddove di rassicurante c’è solo Lui…

La seconda immagine è l’accoglienza festosa dei bambini del barrio  La Paz all’arrivo di don Giampy. Lo aspettavano con ansia perché dopo la messa sapevano che avrebbe giocato con loro; erano emozionati  perché sapevano che saremmo andati anche noi, i suoi genitori. Una signora nel regalarmi una piccola tovaglia ricamata da loro mi ha detto: stai tranquilla che a tuo figlio ” le cuidamos nosotros, toda la comunidad.”che in spagnolo ha un significato più forte della nostra traduzione italiana(lo curiamo noi, tutta la comunità).

La terza immagine è quella più recente di ieri della messa celebrata alle 9 nella parrocchia dove vivono questi tre missionari: la chiesa era gremita: donne, ragazzi , uomini…una trentina di chierichetti tra ragazze  e ragazzi, composti nella loro serietà di servizio, per nulla annoiati o distratti nonostante il caldo (qui siamo a 33° e..fortuna che è inverno…) e la predica alquanto lunga perché tra l’altro si celebrava il battesimo di una bambina di circa un anno. La prima impressione è stata quella di vedere la gente assetata della Parola e della relativa spiegazione. Dopo la messa un gruppo di adolescenti vendeva dolci preparati dalle loro mamme per finanziare le attività dell’oratorio; sabato pomeriggio eravamo andati insieme al mercato per comprare gli ingredienti. Durante la Messa,(confesso il mio peccato), guardavo Giampiero, uno sguardo limpido, luminoso…che rivelava in pieno la sua felicità nello stare con questa gente, lo rivedevo bambino poi adolescente …lo ritrovavo uomo con una carica incredibile…una buona padronanza della lingua che usa nell’interloquire con le persone durante la messa che è una vera e propria festa con musica allegra e coinvolgente tanto che viene spontaneo seguirne il ritmo con il passo e le mani. E’ li che ho peccato di presunzione pensando che avrebbe fatto ugualmente bene in Italia…poi all’uscita della chiesa un bambino, un soldo di cacio che avrà avuto 4 anni è venuto vicino dicendomi : al padre  Giampi Yo le quiero mucho( a Giampi voglio molto bene) poi è scappato  e..allora la nostalgia cede il passo… Continua a leggere »


Dalla poesia alla vita concreta

Postato il

Ci sono versetti della Bibbia, che ti rimangono impressi più di altri, ci sono alcuni passi del Vangelo che sono pura poesia: “Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi” (Mt. 25,35-36).

Come cristiano non so se posso dire di aver vissuto concretamente nella mia vita questo passo del Vangelo, anzi onestamente devo dir che l’ho vissuto molto poco. Come sempre ci pensa il Signore e il luogo in cui mi ha mandato a convertire il mio cuore e ad aprirlo al suo messaggio così mi mette davanti le situazioni concrete dove praticarlo… e la poesia del Vangelo si trasforma in persone concrete e purtroppo (o per fortuna per me) in dure lezioni di vita.

Ero malato e mi avete visitato

Un gruppo della parrocchia tutti i martedì, i giovedì e i sabato alle nove della notte va nell’ospedale comunale e distribuisce gratuitamente alla gente che rimane a fare la notte ai malati, caffè, un dolcetto, o una bevanda a base di latte caldo e mais (Atol). I bambini del reparto di pediatria non vedono l’ora che arriviamo, loro sono gli unici che possono bere il l’Atol e mangiare il dolcetto, gli altri malati sono sotto regime di dieta. Continua a leggere »


Settimana santa

Postato il

ImmagineCarissimi amici,
è iniziata la settimana santa e le attività qui si susseguono a ritmo vertiginoso. Abbiamo appena finito di celebrare la messa crismale nella nostra parrocchia. Qui si è deciso di non celebrarla nella cattedrale ma ogni volta in una chiesa diversa del vicariato per conoscere le varie realtà parrocchiali. Alla fine della messa abbiamo distribuito più di seicento pranzi alla gente venuta dai villaggi di tutto il Peten, alcuni venivano da un giorno di cammino (per questo ringrazio tutti coloro che dall’Italia mi mandano aiuti economici, permettendomi di poter affrontare queste spese, altrimenti insostenibili. La gente di qua ha cucinato tutto il giorno per poter permettere a tutti di andarsene a stomaco pieno).
I giovani della parrocchia in questo momento sono impegnati a preparare una specie di “infiorata” che si fa qui durante il periodo della settimana santa. Qui li chiamano “alfombra”, cioè tappeti.
Ora siamo in procinto di preparare il Triduo, spero di mandarvi alcune foto e mi scuso se ultimamente le mie mail si sono diradate nel tempo, ma fare l’economo della casa mi porta via molto tempo perché la chiesa più che un centro di culto è un cantiere… ogni giorno c’è qualcosa da riparare… ora mi aspetta la riparazione del tetto (spero di cavarmela con meno di tremila euro), le lamiere in molti punti hanno buchi che sembrano voragini e cola l’acqua. Stiamo organizzando una lotteria per raccogliere il denaro sufficiente. Continua a leggere »


Si avvicina il giorno della mia partenza per il Guatemala

Postato il

rosarioMi rimangono ancora pochi giorni in Honduras, presto mi trasferirò in Guatemala. L’Honduras e la parrocchia dove sono mi hanno davvero stregato il cuore. Approfitto per raccontarvi quello che mi è successo in questi giorni.
La missione di evangelizzazione per le strade di Comayaguela è terminata. Ora attendiamo i frutti di questa mobilizzazione. Il 27 di Ottobre, abbiamo celebrato una notte di preghiera per le vie del quartiere San Martin. Il camion della parrocchia, trasformato per l’occasione in palco, ha ospitato un predicatore della parrocchia vicina, che ha fatto una lectio divina su Mosè in fronte al roveto ardente. Successivamente il gruppo musicale ha animato con canti e balli la serata ed infine io ho celebrato la messa. Mi ha fatto un effetto strano celebrare per le vie del quartiere la messa, il giorno stesso in cui abbiamo terminato di visitare e “portare la buona notizia” casa per casa alla gente del posto. Alla fine, per prendermi in giro, mi hanno detto che sembravo un pastore evangelico, che tradotto, mi stavano dicendo che avevo fatto una buona predica, mi ha fatto ridere l’accostamento, soprattutto per il fatto che i pastori evangelici gridano tutto il tempo.

Il 28 abbiamo festeggiato la fine della missione con una giornata di giochi popolari per tutti (compreso l’albero della cuccagna), terminando con la messa. È bello vedere che la gente si diverte davvero con poco. Continua a leggere »